Mercoledi 7 Dicembre

Fiorentina, Bernardeschi: “non sbando con i complimenti, ecco perché ho preso la dieci”

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Federico Bernardeschi, talento della Fiorentina, si racconta: dall’interesse delle big, passando per l’infortunio dello scorso anno e la scelta di prendere la maglia numero dieci

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Dieci sulle spalle, talento da vendere e carta d’identità che fa segnare 1994. Elementi che hanno accesso i riflettori del mercato in direzione Firenze, nel mirino Federico Bernardeschi. “Molti mi vogliono? Non sono turbato e i complimenti non rischiano di farmi sbandare: so quante trappole ci sono. Penso solo a fare bene alla Fiorentina”, ha dichiarato lo stesso giocatore nel corso di una lunga intervista rilasciata al Corriere della Sera in edicola quest’oggi. Il talento della formazione di Pualo Sousa ha poi aggiunto: “L’infortunio dell’anno scorso? Pensavo potesse essere il mio anno e invece l’ho buttato via. Ma sono ripartito con più forza. Anche per questo ho preso la maglia numero 10. Non un gesto di presunzione, ma una sfida a me stesso. E poi quel numero ce l’ho sempre avuto nelle giovanili”. Bernardeschi non chiude poi in maniera definitiva il sono Scudetto: “Scudetto? Quest’anno il campionato è molto più equilibrato e non c’è una vera favorita. Certo Inter e Juve, squadre abituate a vincere, hanno qualcosa in più. La storia nel calcio conta parecchio. Però non è mai detto”. Firmato, Federico Bernardeschi.