Venerdi 9 Dicembre

Eurocup, Dinamo Sassari stasera la sfida col Cai Saragozza

LaPresse/Daniele Montigiani

Coach Calvani e la sua Sassari pronti per il match di stasera contro il Cai Saragozza

La Dinamo Sassari torna in campo dopo la sconfitta contro la Vanoli Cremona: stasera va di scena il match tra i campioni d’Italia in carica e il Cai Saragozza valido per la terza giornata delle Last 32 di Eurocup. La squadra sarda è ancora delusa dalla sconfitta nel match di ritorno in campionato, ma vuole ripartire e ritrovare la vittoria, dopo lo splendido successo contro il Galatasaray nell’ultimo match di Eurocup.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

C’è rammarico per non aver portato a casa il risultato anche se, facendo delle valutazioni di carattere generale, devo dire che abbiamo fatto una partita di sostanza, dove tutti hanno dato il proprio contributo. Siamo mancati nei piccoli particolari e credo che nello specifico siano stati due i momenti determinanti. Il primo in chiusura di secondo quarto: siamo riusciti a concedere alla Vanoli 24 punti nei primi 19 minuti ma nell’ultimo giro di cronometro del primo tempo gli abbiamo permesso una volata finale di 8 lunghezze che li ha mandati negli spogliatoi con uno spirito diverso. Poi penso agli ultimi due minuti quando, avanti di 8, non abbiamo chiuso il match e, dopo la bellissima azione con Varnado a schiacciare nonostante le interferenze di ben tre difensori su di lui, abbiamo subito due triple di Cremona che hanno permesso agli avversari di riportarsi a contatto. Dispiace perche’ per 27 minuti abbiamo giocato con grande forza ma, a causa di episodi, non abbiamo raccolto i due punti della vittoria. Tuttavia nella mia valutazione del senso della partita, vedo segnali importanti e positivi da parte di tutti“, ha spiegato il coach Marco Calvani.

LaPresse/Marco Fele

LaPresse/Marco Fele

Tornando poi all’Eurocup e al match di stasera la guida della formazione sarda ha dichiarato: “in questi primi due turni abbiamo visto quanto il campo sia determinante, penso alla vittoria autoritaria di oltre 30 punti del Galatasaray contro Saragozza in Turchia e alla nostra su una squadra solida, prestata, come gia’ detto, all’Eurocup dall’Eurolega, come quella di coach Ataman. Saragozza nel round 2 si e’ imposta sugli ungheresi e con gli innesti di due giocatori importanti ha dimostrato che non intende accontentarsi dell’aver raggiunto le Last 32 e certamente non vuole fare la comparsa. Ne siamo coscienti, ma abbiamo dimostrato anche recentemente di avere le idee chiare su come possiamo stare in campo e quali siano i nostri valori. La qualita’ e le idee di cio’ che possiamo fare sul parquet lo dimostrano la vittoria con il Galatasaray e quanto fatto a Cremona dove, nonostante sia mancata la vittoria, c’e’ stata una repetita del round 2. Nella mia filosofia c’e’ grande consapevolezza del fatto che quando vinci non vuol dire che vada tutto necessariamente bene viceversa che vada tutto male quando perdi. Come sempre è necessario fare una valutazione generale che tenga conto di tutto