Giovedi 8 Dicembre

Dall’incubo ritiro a eroe di coppa, la rinascita di Lichtsteiner: “Juve, che svolta!”

LaPresse/Fabio Ferrari

Autore del gol vittoria contro la sua ex squadra, Stephan Lichtsteiner commenta la vittoria sulla Lazio e spiega la svolta rispetto a inizio stagione

Da Allegri a Conte, un punto fermo sulla fascia destra: Stephan Lichtsteiner. Troppo spesso sottovalutato, il terzino svizzero è una delle armi in più della Juventus: e, paradossalmente, la sua importanza all’interno dello scacchiere tattico bianconero si è notata proprio durante la sua assenza. Perché ad inizio stagione Lichtsteiner ha avuto un problema serio al cuore che lo ha costretto a subire un intervento chirurgico: la paura di dire addio al calcio è stata tanta, come più volte dichiarato dallo stesso giocatore. Acqua passata, i presente non può che tornare a sorridere a Lichtsteiner, ieri autore del gol vittoria contro la Lazio che ha garantito alla formazione di Allegri l’accesso alle semifinali di TIM Cup: “Sono felice per la vittoria e per il gol che mi rende molto contento, ma dovevamo chiudere prima il match. Ora – ha dichiarato il giocatore ai microfoni della Rai al termine della gara – speriamo di continuare così, domenica c’è la Roma e sarà una partita difficile”.

Lichtsteiner parla poi della svolta dopo un inizio di stagione disastroso: “Non credo che l’inversione di rotta sia dovuta al modulo, perché abbiamo giocato e vinto anche a quattro. Rispetto ad inizio stagione anche i “vecchi” hanno cambiato atteggiamento, prima c’era sfiducia. Buffon? E’ stato importante, ci ha salvato tanti punti: quando sentiamo la fiducia di un portiere così… Anche le parole del presidente sono state molto importanti”.