Sabato 10 Dicembre

Ciclismo, Nibali attacca: “ho visto qualcuno aggrapparsi all’ammiraglia, solo io fui squalificato”

LaPresse/Belen Sivori

Al Tour de San Luis, Nibali denuncia gli stessi fatti che portarono alla sua esclusione dalla Vuelta. Poi fissa il suo obiettivo: “il Giro d’Italia è una corsa che mi emoziona”

Un Tour che non ha partito benissimo, ma il tempo per recuperare ancora c’è. Vincenzo Nibali sta affrontando l’appuntamento di San Luis al massimo delle proprie possibilità, con la speranza di iniziare con il piedi giusto questo 2016 denso di impegni.
LaPresse/MAXPPP

LaPresse/MAXPPP

La ferita subita alla Vuelta, in cui fu escluso per essersi aggrappato ad un’ammiraglia brucia ancora, ma Nibali sottolinea: “qui, durante la seconda tappa, ci sono state due o tre cadute e c’è chi è rientrato attaccato alla macchina. Non dico nient’altro. Lasciando stare questi discorsi, voglio sottolineare che mi sto divertendo come sei anni fa quando portai a casa questo Tour. Cercherò di testarmi ma senza l’ossessione del risultato, la preparazione va avanti step by step”. Il futuro prossimo regalerà tanti appuntamenti, Nibali è pronto: “il Giro e il Tour sono sogni simili, ma correre in Italia per me ha un valore diverso. Sento anche più pressione.

Zuma press/LaPresse

Zuma press/LaPresse

L’Astana? Ho ricevuto un’offerta importante per rinnovare il nostro accordo, ma ho richieste anche da altri team. Adesso penso solo a pedalare, di queste situazioni se ne occupano i miei procuratori”. L’appuntamento clou della stagione, però, sono i Giochi di Rio 2016: “se fossi il Nibali del Tour 2014 non ce ne sarebbe per nessuno? Ci può stare. Ma non sarà facile. Sono orgoglioso di portare per il secondo anno di fila la maglia tricolore, mi dispiace solo che ci sia ancora chi critichi il disegno, chi dice che sembra la bandiera d’Ungheria. Ma ci sono delle regole da rispettare e ne ho visto altre, come quelle di Malori o Valverde, che sono simili alla mia“.