Venerdi 9 Dicembre

Ciclismo, Movistar si difende: “mai occultato notizie su condizione Malori”

Movistar, team di Adriano Malori, fa chiarezza su alcune notizie non vere girate negli ultimi giorni

Adriano Malori è stato trasferito oggi da San Luis a Buenos Aires, per essere sottoposto ad ulteriori accertamenti che non possono essere effettuati all’ospedale di San Luis perchè non dispone delle attrezzature necessarie. Il team di Malori è stato accusato di non essere stato abbastanza chiaro e di aver nascosto alcune dettagli sulle condizioni di Malori, ci ha tenuto a mettere in chiaro diverse cose. “I corridori presenti al momento dell’incidente hanno chiarito le modalita’ della caduta: Adriano Malori e’ finito con la ruota in una buca che lo ha fatto cadere. Questa e’ stata, senza alcun dubbio, la causa dell’incidente“, questo il primo punto che la Movistar chiarisce nel suo comunicato stampa. Il secondo punto invece dice: “dopo la caduta e all’ingresso in ospedale, il corridore e’ stato posto in coma farmacologico, uno stato di sedazione che ha permesso di curare al meglio le sue lesioni. In nessun modo, quindi, lo stato di coma è stato conseguenza della caduta“. “Movistar Team ha sempre informato l’opinione pubblica dello stato di salute dei suoi corridori quando, come nel caso di Adriano Malori, sono vittime di incidenti in corsa o in allenamento. Informazioni trasparenti fornite con cadenza periodica, senza alcuna limitazione, nel rispetto dell’intimità del corridore coinvolto e della sua famiglia. In nessun caso Movistar Team ha occultato notizie circa la maggiore o minore gravità dello stato fisico del corridore, cosa che non puo’ essere confusa con il rigore piu’ scrupoloso nelle nostre comunicazioni sempre basate su dati concreti“, si legge infine nel comunicato del team. Non si fa altro quindi che attendere ulteriori aggiornamenti, sperando in una veloce guarigione.