Venerdi 9 Dicembre

Cerci, le verità nascoste: notte al Casinò, e il Milan s’infuria…

LaPresse/Valerio Andreani

Dopo la pessima prova contro il Bologna, Alessio Cerci ha trascorso una serata al Casinò di  Campione d’Italia: Milan su tutte le furie, cessione ormai imminente

La verità nascosta. Nemmeno troppo bene, verrebbe da aggiungere. Perché che il rapporto tra Alessio Cerci e il Milan fosse arrivato ai minimi storici era ormai ben noto a tutti, ma la vicenda sta assumendo dei contorni addirittura grotteschi. La pessima prestazione contro il Bologna, l’ira dei tifosi che da gli spalti di San Siro si è poi spostata sul web (‘costringendo’ Cerci a chiudere tutti i profili social per i troppi messaggi di critiche e insulti ricevuti) e ieri la mancata convocazione per la trasferta di Roma contro la formazione di Garcia.

“Una scelta tecnica”, stando alle parole di Mihajlovic in conferenza stampa. Ma dietro ci potrebbe essere dell’altro: perché, come riportato dalla Gazzetta dello Sport in edicola quest’oggi, lo scorso giovedì per cercare di distarsi dal momento difficile, Cerci ha fatto serata al Casinò di Campione d’Italia. Il giorno seguente, prosegue la rosea, il giocatore è arrivato a Milanello in perfetto orario e si è regolarmente allenato, ma in casa rossonera la vicenda non è piaciuta. E per Cerci l’azzardo potrebbe risultare davvero fatale…