Venerdi 9 Dicembre

Atalanta e Sassuolo, sorriso a metà! Denis risponde a Berardi e saluta Bergamo tra le lacrime

LaPresse/Mauro Locatelli

Finisce in parità l’anticipo delle 18 tra Atalanta e Sassuolo, apre le marcature Berardi e pareggia Denis che saluta con un gol il popolo nerazzurro

Doveva essere il match della svolta per l’Atalanta, ma la sfida contro il Sassuolo si rivela l’ennesima occasione sprecata per risalire la classifica e tirarsi fuori dal tunnel in cui si è cacciata ormai da più di cinque partite.

LaPresse/Mauro Locatelli

LaPresse/Mauro Locatelli

Non basta il gol di Denis, che saluta dopo quattro anni e mezzo il popolo nerazzurro, per superare un Sassuolo gagliardo e cinico che sfrutta a dovere una delle poche occasioni per passare in vantaggio con Berardi. Eppure la gara sembra mettersi bene per l’Atalanta che inizia col piglio giusto cercando di mettere in difficoltà Consigli fin dalle prime battute di gioco. Ci prova German Denis dopo un quarto d’ora ma il portiere avversario risponde da campione. Intorno alla mezz’ora, sorprendentemente è il Sassuolo a passare in vantaggio grazie a Berardi che sfrutta un rimpallo su Cherubin per freddare Sportiello da due passi. L’Atalanta non ci sta e, cinque minuti più tardi, riequilibra le sorti del match con Denis che, prima sbaglia il rigore e poi realizza sulla ribattuta di Consigli.

LaPresse/Mauro Locatelli

LaPresse/Mauro Locatelli

Prima dell’intervallo è lo stesso argentino a sfiorare il raddoppio ma la sua girata finisce alta. Nella ripresa il ritmo cala vistosamente e le occasioni da rete cominciano a latitare. Ci provano Berardi e Cigarini ma la mira non è delle migliori. Nel finale Reja si gioca la carta Borriello per concedere la standing ovation a Denis che saluta Bergamo e torna in Argentina, dove giocherà con l’Independiente. Nel finale non succede più nulla e Atalanta e Sassuolo devono accontentarsi di un punto che muove la classifica ma rimanda l’appuntamento con la vittoria che, ormai, manca da troppo tempo.