Venerdi 9 Dicembre

Troppi impegni per il Capo di Stato, la Supercoppa di Mauritania finisce al 60° minuto

Secondo la stampa locale, il Presidente della Mauritania, visti i troppi impegni, avrebbe fatto terminare la gara di Supercoppa in anticipo

La Supercoppa di Mauritania non è certo un trofeo paragonabile alle supercoppe dei campionati più prestigiosi, ma la notizia che giunge dal Paese africano ha dell’incredibile. La finale di Supercoppa tra l’FC Tevragh-Zeina, vincitrice del campionato, e l’ASC Ksar, detentrice della coppa nazionale, si è conclusa sull’1-1, per poi essere vinta dai padroni di casa ai calci di rigore.

Zuma/LaPresse

Zuma/LaPresse

Fin qui niente di strano, peccato che l’arbitro della partita abbia fischiato la fine dell’incontro al 60° minuto, procedendo immediatamente ai tiri dagli undici metri. Secondo alcuni quotidiani locali ciò sarebbe avvenuto perché il presidente della Mauritania, Mohamed Ould Abdel Aziz, non poteva aspettare troppo, vista la sua agenda piena di impegni. La finale, infatti, è stata disputata il 28 Novembre scorso, giorno del 55esimo anniversario dell’indipendenza dalla Francia e poiché secondo il capo di Stato, la partita era noiosa e sarebbe finita ai supplementari, egli avrebbe deciso di accorciare i tempi. La federazione di calcio della Mauritania, secondo quanto riportato dal sito internet di Marca, ha negato che il presidente abbia fatto terminare l’incontro con venti minuti di anticipo, ma ha sottolineato che si è trattato di una decisione presa nell’ “interesse dei giocatori e dei responsabili dei due club, permettendogli di essere premiati dal presidente in persona”. La stessa Federazione ha poi reso noto che la chiusura anticipata del match sarebbe derivata dal fatto che lo stadio non fosse fornito di un efficiente impianto di illuminazione, e far terminare anzitempo l’incontro era l’unico modo per far svolgere la premiazione usufruendo della luce naturale. Una cosa è certa: la partita è terminata in anticipo, che non sia l’ennesimo caso in cui la politica interferisce con lo sport?