Giovedi 8 Dicembre

Top&Flop – Promossi e bocciati in casa Yamaha

LaPresse/REUTERS

Jorge Lorenzo, Valentino Rossi, Lin Jarvis: ecco i promossi e bocciati in casa Yamaha

La stagione 2015 di Moto Gp è finita da quasi due mesi ma ancora se ne parla. E’ stato un anno entusiasmante, ricco di emozioni, di duelli e di rimonte. Nonostante le polemiche nate dopo il Gran Premio della Malesia tutto il mondo è rimasto col fiato sospeso nella gara di Valencia: Rossi raggiungerà Lorenzo? Marquez e Pedrosa supereranno il loro connazionale? Queste le domande che tutti ci siamo posti. Alla fine, il pilota di Tavullia è riuscito in una incredibile rimonta che lo ha portato ad arrivare quarto nell’ultimo Gran Premio della stagione, Marquez e Pedrosa non sono riusciti a superare Lorenzo che ha così vinto il titolo Mondiale. Nonostante la Yamaha abbia dominato in questa stagione di Moto Gp, anche la casa Iwata ha i suoi promossi e bocciati.

Promossi:

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Valentino Rossi. Non per simpatia o perchè è un pilota italiano. Valentino Rossi in questa stagione è stato incredibile. Ha dimostrato di potersela ancora giocare, a 36 anni, contro piloti ben più giovani di lui. Nonostante la “ginocchiata dubbia” di Sepang, il “Dottore” ha dimostrato di essere un signore e, una volta finito il campionato, ha deciso di non parlare più di quanto accaduto nelle ultime settimane della stagione. Si è chiuso in se stesso, dedicandosi ad amici, famiglia e fidanzata, cercando di non continuare a creare polemiche. Rossi avrà anche sbagliato nella conferenza stampa del giovedì a Sepang a punzecchiare i suoi rivali, ma Vale si sa, è così. sorridente, scherzoso e senza peli sulla lingua. Meglio essere sinceri e farsi dei “nemici” che “paraculi” e pieni di amici (che poi amici non sono).

Bocciati:

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Jorge Lorenzo. Bisogna riconoscere che nonostante la presunta alleanza con Marquez che pare lo abbia favorito, il pilota maiorchino ha disputato una bella stagione tecnicamente parlando, dimostrando soprattutto a Valencia di saperci fare con le due ruote. Lorenzo però finisce tra i bocciati di casa Yamaha perchè ha dimostrato subito di avere paura. Rossi era una minaccia per lui, troppo avanti, troppo forte, quasi irraggiungibile. La reazione di Lorenzo dopo Sepang è stata eccessiva, non doveva intromettersi, doveva semplicemente far decidere la Direzione Gara e poi eventualmente commentare di non aver apprezzato il gesto del suo compagno di squadra. Il neo campione del mondo ha invece chiesto una sanzione più pensante per Rossi e soprattutto ha cercato di intromettersi nel ricorso al Tas di Valentino. Caro Jorge, non ti preoccupare, questo titolo è tuo e non te lo togli nessuno. Ma, non sarebbe stato più bello vincerlo giocandosela alla pari col “Doc”, non sarebbe stato più soddisfacente e gratificante?

jarvisLin Jarvis. Proprio così! Anche il Managing Director della Yamaha è bocciato! Perchè? Perchè nonostante le belle parole e i buoni propositi non è riuscito a creare un clima di pace e serenità in casa Yamaha. E soprattutto perchè non è riuscito ad evitare quanto accaduto nel finale di stagione 2015 tra i suoi piloti. Perchè, secondo noi, se presa in tempo, tutta questa situazione poteva essere evitata. Ma dagli errori si impara, e di certo questo servirà di lezione a tutti quanti. In futuro sarà tutto diverso(?).