Domenica 11 Dicembre

Top&Flop – Promossi e bocciati in casa… Lazio

LaPresse/Daniele Badolato

Dal metronomo Biglia all’instancabile Basta, passando per Mauricio e il Klose che non ti aspetti: promossi e bocciati in casa Lazio

Una vittoria contro l’Inter a San Siro per salvare la panchina a Stefano Pioli e a regalare un Natale più sereno ai tifosi biancocelesti. Ma la prima parte di stagione della Lazio è tutt’altro che esaltante: una buona partenza, poi una crisi dalla quale Candreva e compagni faticano a uscire. Ecco i promossi e i bocciati in casa Lazio:

Promossi

Biglia – Nonostante le difficoltà di questa prima parte di stagione, Pioli può contare su una certezza assoluta: Biglia, appunto. Il centrocampista argentino è il fulcro del gioco biancoceleste, ogni palla passa dai suoi piedi e quando non c’è la sua mancanza si nota eccome. Con quattro gol stagionali è il vice capo cannoniere della squadra.

Basta – Motorino instancabile, il migliore per rendimento della difesa della Lazio. Punto fermo della formazione biancoceleste, tanta corse e anche qualche buona incursione offensiva: quindici presenze in campionato, è uno degli intoccabili di Pioli.

Bocciati

Mauricio – Se la difesa della Lazio ha ballato vertiginosamente in diverse occasioni, gran parte del ‘merito’ è suo: sgraziato, a tratti goffo. Ha il record negativo di essere stato espulso in tutte le competizioni stagionali a cui ha preso parte, la Lazio farebbe bene e a pensare a qualche rinforzo a gennaio.

Klose – Festeggiare il Natale senza nemmeno un gol sotto l’albero è un evento davvero irrepetibile in casa Klose. Ma, complice qualche infortunio di troppo e qualche errore non da lui, l’attaccante tedesco non ha ancora esultato in questa stagione. L’impressione è che le motivazioni siano davvero ai minimi storici.