Martedi 6 Dicembre

Scandalo Fifa, Blatter attacca: “trattato come un punching-ball, ricorrerò a qualsiasi tribunale”

LaPresse/PA

Joseph Blatter ha commentato in  conferenza stampa la squalifica che il Comitato Etico della Fifa ha inflitto a lui e a Platini

Dopo la squalifica di otto anni che il Comitato Etico della Fifa ha inflitto a Joseph Blatter e Michel Platini, il dirigente svizzero ha deciso di uscire allo scoperto, presentandosi in conferenza stampa con l’obiettivo di chiarire i punti oscuri di questa vicenda.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Dire che è una buona giornata per me o per la Fifa, sarebbe come prendersi in giro. Oggi ho ricevuto la notizia della squalifica che mi ha molto amareggiato, e riceverla dopo la stampa è un qualcosa che non riesco a comprendere e capire. Sono dispiaciuto per me, per la Fifa e per tutte le Federazioni che hanno riposto in me la loro fiducia. Pensavamo di aver convinto il tribunale riguardo i miei rapporti con  Platini, ma a quanto pare ci sbagliavamo. Con Michel è stato un gentleman agreement, già in atto nel 1998. Platini mi avvicinò e mi chiese di lavorare per la Fifa. Risposi che sarebbe stato meraviglioso ma non lo avrei potuto pagare subito. Questo è quello che è accaduto tra di noi. Il Comitato ha negato l’esistenza di un contratto di questo tipo.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Tutti sapevano che Platini avrebbe lavorato per la Fifa per un milione e nessuno ha obiettato, poi improvvisamente questo è diventato uno scandalo corruzione. Abbiamo provato a dimostrare questo accordo tra Platini e me, ma adesso il tribunale arbitrale lo nega e dice che questi due milioni di franchi svizzeri non hanno un fondamento. Sostengono che io abbia dato questi soldi a Platini per comprare voti per l’elezione alla presidenza della Fifa.  Io continuerò a combattere per me e per la Fifa. Ho parlato con il mio avvocato e abbiamo deciso che ricorreremo alla Commissione d’Appello, al Tas e alla Giustizia svizzera. Tutti hanno diritto a difendersi, ogni codice sportivo e non lo sottolinea. A me non è stata data la possibilità di farlo e questo mi spinge ancora d più a combattere. Sono stato trattato come un punching-ball ma non mi arrendo. Andrò fino in fondo a questa storia“.