Martedi 6 Dicembre

Sampdoria, Ferrero: “A Montella serve solo tempo, è un professore. Su Zenga…”

LaPresse/Valerio Andreani

Il Presidente della Sampdoria a tutto campo, da Zenga (quando l’ho preso ero un c*****ne) a Montella passando per il momento blucerchiato

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

“Pentito di aver scelto Montella? Ma no, il pentimento è qualcosa che rovina il cuore”, esordisce così Massimo Ferrero. Il Presidente della Sampdoria, ospite negli studi del ‘Processo del Lunedì’, prova ad analizzare il momento blucerchiato e spiega il perché di alcune decisioni: “Quando ho preso Zenga ero un coglione, quando ho preso Montella ero un faraone, ora lui perde due partite e sono di nuovo coglione, mettetevi d’accordo. Ho scelto Zenga perché secondo me è un bravissimo allenatore, ho fatto un errore di valutazione perché un portiere so che non si prende, però è stata una scelta di cuore e me ne assumo la responsabilità”. Nessun dubbio sull’affidabilità del nuovo allenatore della Sampdoria: “Montella è uno molto bravo, un professore, deve avere un po’ di tempo. Quando avranno preso coscienza, testa e tempo non ce ne sarà più per nessuno. Poi se avrò sbagliato me ne assumerò le responsabilità, il fondoschiena è mio”.