Domenica 4 Dicembre

Roma, qualificazione e fischi. Pallotta: “basta massacrare questi ragazzi, meritano rispetto”

LaPresse/Alfredo Falcone

James Pallotta risponde a muso duro ai fischi piovuti dalle tribune dell’Olimpico subito dopo il fischio finale della sfida contro il Bate che ha regalato alla Roma l’accesso agli ottavi di Champions

LaPresse/Alfredo Falcone

LaPresse/Alfredo Falcone

Obiettivo ottavi di Champions centrato seppur tra mille affanni. Ma al triplice fischio della sfida tra Roma e Bate Borisov quello che succede è surreale: dalle tribune dell’Olimpico un boato assordante di fischi nei confronti della squadra, dell’allenatore e della dirigenza. “Mi piacerebbe che alcuni di voi la smettessero di massacrare quotidianamente la squadra, è frustrante vedere che la gente fischi non appena avviene un retropassaggio. E questo – tuona il presidente della Roma James Pallotta nel post partita – succede per via di quello che viene scritto e inventato quotidianamente sulle radio. Sono bravi ragazzi, lavorano sodo e sono agli ottavi di finale. E’ ora che cresciate e che iniziate a trattarli con il rispetto che meritano: interessa a loro e a noi. Basta massacrarli”. Una vera e propria proposta di tregua rivolta a tutto l’ambiente. Chissà che, con la qualificazione agli ottavi in tasca, non si possa finalmente provare a ristabilire quell’equilibrio perso ormai da tempo.