Martedi 6 Dicembre

Pininfarina acquisita dagli indiani di Mahindra: un altro marchio italiano in mani estere [FOTO]

La celebre azienda di design italiana è stata acquisita da Mahindra con un’operazione di 50 milioni di euro e un piano per la ristrutturazione del debito

Pinifarina, celebre “firma” italiana di design specializzata nel settore automotive e non solo, è stata acquisita dal Gruppo indiano Mahindra che ha acquistato tutte le azioni ordinarie dalla società Pincar che deteneva il controllo dell’azienda torinese. L’operazione è costata 50 milioni di euro, a cui si devono aggiungere 110 milioni come garanzia dei debiti di Pininfarina. Mahindra ha già presentato un piano di rilancio dell’azienda che prevede un investimento di ben 20 milioni di euro in aumento di capitale. I debito nei confronti delle banche verranno ripagati a partire dal 2017,con un tasso che resterà invariato pari allo 0,25% annuo.pininfarina sergio (2)

Il Presidente, Paolo Pininfarina, manterrà la sua posizione, inoltre ha assicurato che l’azienda resterà italiana. Parole confermato anche dal CEO di Mahindra, Cp Gurnani, che ha dichiarato:” Contribuiremo a farla crescere in Italia e in Europa, azienda e marchio resteranno in Italia. L’azienda resterà quotata a Milano e sarà una collaborazione di successo”.

Un’altra azienda simbolo del “Made in Italy” passa quindi in mano straniera a causa dei grandi debiti accumulati. Purtroppo, l’acquisizione dell’azienda italiana era inevitabile per far si che la lunga tradizione di Pininfarina continuasse nel tempo.

Fondata a Torino il 22 maggio 1930, l’azienda mosse i suoi primi passi come piccola carrozzeria artigianale specializzata nella realizzazione di carrozzerie su ordinazione di facoltosi clienti privati, mentre fino allo scoppio della seconda guerra mondiale strinse collaborazioni con Lancia, Alfa Romeo e Fiat. La consacrazione della factory italiana arriva nel dopo guerra, con la realizzazione di moltissimi vetture sviluppate per moltissime case automobilistiche internazionali, anche se la società rimase sempre a conduzione familiare. Pininfarina realizzò alcuni dei capolavori indiscussi dell’industria automotive, comprese alcune della Maserati e della Ferrari più belle di sempre, sia del passato che moderne.