Domenica 4 Dicembre

Napoli, lo scudetto non è più un’utopia! De Laurentiis: “quest’anno possiamo sognare”

LaPresse

Il presidente del Napoli entusiasta del cammino della sua squadra, la vittoria sull’Inter fa sognare l’ambiente azzurro

La vittoria ottenuta sull’Inter nel posticipo di lunedì al San Paolo, ha galvanizzato l’ambiente Napoli che, adesso, guarda con ottimismo al prosieguo di un campionato che può regalare davvero grandi emozioni.

LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Il primo ad essere soddisfatto di questa situazione è proprio il presidente azzurro, Aurelio De Laurentiis, entusiasta del lavoro di Maurizio Sarri: “un primato ottenuto grazie al metodo di Sarri – riporta la Repubblica – che all’inizio della stagione ha incontrato un po’ di ostacoli. Eppure oggi i calciatori in campo sono perfetti. Hanno assimilato le sue teorie e danno spettacolo”. E’ cambiato l’approccio alle gare, di conseguenza i risultati arrivano e non è più una bestemmia parlare di scudetto: “naturalmente mi auguro di vincere sempre – sottolinea De Laurentiis – perciò a Natale potrebbe darsi che avremo maggiori punti in più rispetto alla seconda in classifica”. Undici anni di sacrifici, la serie C all’inizio del cammino e, adesso, la vetta della serie A. Quanta strada ha fatto il Napoli: “ho raccolto questa società al tribunale dei fallimenti e ora siamo il 15° team al mondo. Sugli stessi livelli di Real Madrid e Barcellona.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Però questi team, così come quelli governati da oligarchi russi e sceicchi arabi, godono di tanti milioni da investire e con cui appianare i disavanzi. Noi, al contrario, rispettiamo puntualmente quel fair-play finanziario auspicato da Michel Platini”. Infine alcune battute sul mercato: “lo fa solamente chi ha le idee confuse. Noi le abbiamo chiare. E poi acquistare calciatori nuovi da inserire in questa squadra pronta e rodata significherebbe forse ritrovare le difficoltà di fine estate. Questi gossip solitamente provengono dagli organi di informazione o dai tifosi, che non vivono dal di dentro il nostro spogliatoio. Noi vogliamo viaggiare spediti”.