Martedi 6 Dicembre

Moto Gp, Marquez secondo al Superprestigio: “ho pensato a me stesso”

Marc Marquez spiega il suo secondo posto al Superprestigio Dirt Track: “non ho voluto rischiare”

Se Valentino Rossi dopo la stagione 2015 di Moto Gp si è dedicato alle quattro ruote, partecipando al Rally Monza Show e salendo sul gradino più alto del podio, Marc Marquez ha preferito rimanere sempre sulle due ruote, partecipando al Superprestigio Dirt Track, dovendosi però accontentare del secondo posto. Una gara sicuramente diversa da quelle a cui è abituato, Marquez infatti non guidava la sua solita moto su una classica pista asfaltata, ma una moto da cross su un tragitto insidioso e sterrato. Il 22enne di Cervera si è subito detto contento e soddisfatto, perchè a batterlo è stato solo Brad Baker, che questa disciplina la conosce bene, ma ha voluto spiegare cosa non è andato bene nella gara: “ho commesso un errore all’inizio e Brad è andato in testa accumulando un certo divario. Sono stato in grado di ridurlo ma, anche a causa delle condizioni della pista, era difficile superarlo. Ci ho provato all’ultima curva, ma quest’anno ho imparato tante cose. Sono stato comunque felice di essere salito sul podio anche quest’anno”, si legge su Crash.net. “Ero davvero molto vicino a Brad e io con queste molto faccio solamente una gara all’anno. Mi alleno molto, però non faccio gare. E’ bello essere vicino a Brad Baker e Jared Mees, che combattono tutto l’anno. Quando sei dietro di loro è difficile sorpassare”, ha spiegato il pilota spagnolo. Marquez ha voluto precisare che il suo unico pensiero attualmente è la Moto Gp e che quindi, per non compromettere il suo futuro, non ha voluto spingere troppo e rischiare: “io devo pensare al prossimo anno, alla nuova stagione di MotoGP  che sarà importante. Potevo prendere dei rischi cercando di superare, l’esperienza di Brad e Jared fa la differenza”.