Giovedi 8 Dicembre

Moto GP, grande responsabilità per la Dorna

Zumapress

Dopo l’epilogo per molti deludente della stagione 2015 di Moto Gp, si pensa già al campionato 2016

E’ terminata da poco più di un mese la stagione 2015 di Moto Gp e già si epnsa a quella successiva e non solo. In particolar modo, in questo periodo, si parla molto di un possibile ritorno della Kawasaki, ritirata dalla Moto Gp nel 2008. Secondo Ichiro Yoda, capo reparto corse della casa giapponese, tutto dipende dalla Dorna: “dovrebbero cambiare diverse cose per favorire il nostro ritorno. Per adesso le regole risultano troppo restrittive. Per esempio, non è possibile correre con una moto derivata dalla produzione. Inoltre ci sono soluzioni tecnologiche utilizzate dagli altri costruttori, come ad esempio il cambio seamless, che non vedremo mai sulle moto stradali: costa troppo e non ne varrebbe la pena”, ha spiegato in un’intervista a Riders. “Se la Dorna cambiasse la sua filosofia, creando delle regole più aperte e consentendo ai costruttori di sperimentare in maniera libera, forse potremmo anche tornare in MotoGp. Per ora però restiamo concentrati sulla Superbike”, ha concluso Yoda che ha anche spiegato che “gli investimenti necessari non ci permettono di competere in MotoGp“.