Venerdi 9 Dicembre

Moto Gp, Emanuele Pirro non ha dubbi: “Rossi e Marquez entrambi da punire”

LaPresse/EFE

Emanuele Pirro avrebbe preferito che ad essere punito dopo Sepang fosse stato anche Marc Marquez e non solo Valentino Rossi

Nonostante la stagione 2015 di Moto Gp sia finita da più di un mese ormai, c’è chi ancora parla del caso Rossi-Marquez e del duello di Sepang. E’ Emanuele Pirro, ex pilota, a parlare di quanto accaduto durante il Gran Premio della Malesia: “secondo me Rossi andava giudicato solo sull’intenzionalità di portare fuori traiettoria Marquez. Il calcio, a cui non credo, è assolutamente ininfluente. Probabilmente la penalizzazione giusta sarebbe stata un ride through. Oppure avrebbero potuto aggiungere il tempo medio di un passaggio nei box al tempo finale. L’intenzionalità del gesto di Rossi è stata evidente, e il risultato, la caduta di Marquez, non ha modificato questa situazione“, ha spiegato. “Portare un pilota fuori traiettoria è una cosa che non va fatta. C’è però anche l’intenzionalità di Marquez di rallentare Rossi… Solitamente chi va più veloce fa due, tre sorpassi e poi va via. Avrei giudicato tenendo conto solo di quello. Magari a fine gara visto che comunque Marquez era caduto“, ha continuato Pirro, che quindi avrebbe reputato più corretta una sanzione ad entrambi i piloti.