Domenica 4 Dicembre

Moratti, quanta amarezza per l’esonero di Mou: “situazione inusuale per lui, mi dispiace molto”

FRANCK FAUGERE

L’ex presidente dell’Inter analizza con amarezza l’esonero di Mourinho dalla panchina del Chelsea: “ormai si trovava in un tunnel in cui non si vedeva la luce”

Un legame indissolubile nato nel periodo nerazzurro e cementatosi nel 2010, l’anno che coincide con l’apice della storia dell’Inter.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Massimo Moratti e Josè Mourinho è come se non si fossero mai lasciati, così grande è l’affetto tra i due che è impossibile per l’ex presidente interista mascherare la delusione riguardo l’esonero dal Chelsea dell’allenatore portoghese. “Mi dispiace, davvero – ha commentato Moratti all’Ansaforse era una situazione che non sapeva vivere nemmeno lui, talmente nuova rispetto a ciò che è abituato. Restano valide le sue indiscutibili doti professionali, la sua notevole capacità di lavorare tanto e con dedizione. Le cose al Chelsea andavano così male che si poteva ipotizzare una fine dei rapporti. Mi dispiace davvero molto e credo che anche Mourinho sia dispiaciuto. Non so davvero cosa non abbia funzionato. È stato tutto molto strano. Lui è sempre così attento e pignolo nel suo lavoro. Era un tunnel da cui non si vedeva luce. La risoluzione con il Chelsea – spiega ancora Moratti – non ha niente a che vedere con Ranieri. Nella vita ci si incontra e ci si scontra, ma le due situazioni sono ben distinte.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Sono comunque molto felice per Ranieri e per i risultati che sta ottenendo“. Infine Massimo Moratti allontana la possibilità di un ritorno di Mourinho sulla panchine dell’Inter: “le suggestioni in queste ore corrono veloci, ma ipotizzare un ritorno dello Special One all’Inter, al momento, è solo fantasia. Non sarebbe giusto. Poi non credo che ci stia pensando né il club né lo stesso Mourinho. Mancini sta facendo benissimo, quindi non sarebbe corretto. In futuro non si può mai dire, ma comunque sono cose che non decido io perché ormai sono fuori dalla società“.