Sabato 10 Dicembre

L’incredibile impresa di Davide Travelli: 7500 km in 4 mesi, e non è ancora finita…[FOTO]

Davide dall’Alaska alla Patagonia in autosufficienza in bici, pronto per la prossima tappa della grande avventura!

Davide Travelli, 36, è partito da Prudhoe Bay, in Alaska il 13 agosto 2015 per pedalare lungo l’intero continente americano fino a Ushuaia, Patagonia (Argentina). Dal punto più settentrionale del Nord America fino alla punta più meridionale del Sud America lungo la Panamericana. Il suo viaggio in solitaria e senza supporto attraverserà 16 paesi ed è prevista una durata di almeno 15 mesi. Ne trarranno beneficio l’Associazione Mango e Students Helping Honduras. Ora Davide è a San Diego, in California, con 7500km messi nelle gambe negli ultimi 4 mesi attraversando l’Alaska, il Canada e gli Stati Uniti. Davide è un italiano di 36 anni, bergamasco, ma ha vissuto diversi anni a Dublino (Irlanda). Sta per entrare in Messico da Tijuana e da lì continuerà il suo viaggio in America Latina.

dsc_1012_23535050382_oIl progetto di Davide sta anche raccogliendo fondi in beneficenza per l’Associazione Mango, una ONG con sede a Roma che opera in Paraguay (uno dei paesi più poveri del Sud America) e per Students Helping Honduras, un movimento che mira a porre fine alla povertà estrema e la violenza in Honduras attraverso l’educazione e la responsabilizzazione dei giovani. Davide intende fare delle presentazioni presso le scuole durante il suo viaggio, e trovare copertura di media nazionali in diverse nazioni. La spedizione solitaria, Alaska2Patagonia, ha coperto 7500km in quasi 4 mesi, anche se Davide si è preso quasi 4 settimane di riposo a San Francisco. Attraverso l’Alaska Davide ha seguito la Dalton Highway prima e l’Alaska Highway dopo.

dsc_0990_23643651035_oÈ stato un periodo affascinante in Alaska, Yukon e British Columbia con i colori autunnali che impreziosivano tutto il paesaggio, una corsa ardua, tuttavia, a causa delle condizioni meteorologiche avverse che incontrava per lunghi periodi di tempo. In Alaska Davide ha subito per ben due volte un caso di ipotermia alle mani e sperimentato un incontro faccia a faccia con un orso grizzly. In British Columbia poi un orso nero ha distrutto le sue borse anteriori con i rifornimenti di cibo e danneggiato la sua tenda. Emotivamente è stato il mese più difficile del viaggio. Una volta che ha sostituito le borse anteriori, un altro orso nero ne ha rubata una ma è stato possibile recuperarla con danni lievi. I mesi attraverso le terre selvagge dell’Alaska, Yukon e British Columbia sono stati fisicamente impegnativi e spettacolari. Passi, cime e temperature di -10°C, hanno aggiunto sale alla spedizione. Per aiutare ad affrontare gli estremi del viaggio Davide ha avuto equipaggiamento gentilmente donato o scontato, tra gli altri, da: 100%FOOD, Skyroam, Showers Pass e Bikecafe.

dsc_0585_22428503960_o Viaggiare da solo ha portato Davide a vivere diverse avventure e ha aggiunto un po’ di difficoltà alla sfida di pedalare le Americhe lungo Panamericana. Tuttavia, ha portato con sé un’estrema solitudine e la necessità di essere completamente autosufficiente. Davide è attualmente a San Diego (California) e sarà presto in Messico lungo la Bassa California. Allo stesso tempo è alla ricerca di più visibilità e promozione per l’Associazione Mango e Students Helping Honduras (attraverso interviste e dando presentazioni), e cerca al tempo stesso sponsorizzazioni per la spedizione in sé in forma di attrezzature e fondi: ha dovuto attraversare il Nord America con un budget quotidiano di appena $ 5 al giorno.