Domenica 11 Dicembre

L’eterna lotta tra Massa Magra e Massa Grassa, quando il miracolo del Natale non basta…

I consigli delle Marchese per coniugare al meglio gli stravizi delle feste e la tanto sudata forma fisica

In questi giorni in cui Star Wars imperversa nelle sale e nelle foto dei profili Facebook dei nostri amici, realizziamo quanto sia sempreverde l’argomento bene versus male. L’eterna lotta tra le due forze, per chi come noi è sempre in cucina o a preparare eventi enogastronomici e per chi come voi non sa più come dire di no alle molteplici feste aziendali pre-Natalizie… si traduce in “eterna lotta tra massa grassa e massa magra”.

natale-bilancia-580x526Ovvero: esiste una strategia per godersi il sacrosanto diritto di eccedere un po mantenendo comunque le fatiche fatte durante l’anno? Certo che c’è, ma non pensate che ci sia un bidibi-bobidi-bu risolutivo al troppo panettone o addirittura un Miracolo sulla 34ma strada che vi faccia allacciare il bottone dei pantaloni.

Come al solito e come più volte consigliato, serve sempre la giusta misura nelle cose. Visto che manca una settimana a Natale, nel Marchesato ci sentiamo generose e abbiamo deciso di svelarvi dei piccoli trucchetti, a cui magari avrete già ricorso da soli ogni tanto, che se apportati con una certa costanza vi evitano quel +3kg sulla bilancia della Befana.

Sono delle mini-accortezze che noi sportive&mangione siamo obbligate a seguire tutto l’anno, visto che a casa nostra non si fa che impastare e provare nuovi ristoranti e invitare amici a cena.

natale31) Niente ansia, è solo Natale

Innanzitutto, respirate e rilassatevi. Non c’è niente di più calorico che un bel piatto di cappone in brodo ingurgitato velocemente e con senso di colpa. E’ Natale, che a voi piaccia o meno, è inevitabile come il susseguirsi della notte con il giorno. Non si tratta nè di una calamità naturale ne di un matrimonio di due cugini gemelli al sud. Siete preparati e sapete a cosa andate incontro. Basta solamente non prenderla con il broncio della squalifica.

2) Aiutatevi con le proporzioni – l’alcool

mangiare-troppo-a-NataleLo stravizio per eccellenza sono i brindisi di fine anno. Siamo dei buoni bicchieri, se così si può dire, per cui sappiamo bene come regolare sia l’assunzione che lo smaltimento dell’ebbrezza da bollicina-di-troppo. E’ tutto un cincin a Natale e basta questa scusa per partecipare ad aperitivi e feste di fine anno lavorativo, senza contare le riffe tra amici, il pokerino e così via. Bene, il trucco è tenere sempre a portata di mano una bottiglia d’acqua: per ogni calice di Dom Perignon, due bicchieri d’acqua. E non ditelo a nessuno, altrimenti passerete metà delle feste in fila alla toilette.

3) Aiutatevi con le proporzioni – il cenone

E’ difficile dire di no, lo sappiamo. A  Natale, è difficile dire di no persino alla zuppa inglese della prozia, le cui quantità di alchermes sono inversamente proporzionali alle sue diottrie. Si sa, a Natale siamo tutti più buoni. Un trucchetto veloce veloce: quando si appropinquano a farvi il piatto, che sia esso il secondo o il dolce, fate in modo di averne già metà occupato da verdure o frutta. In ogni caso, avrete meno spazio da ingolfare con il tacchino o la suddetta zuppa, senza scordare che avrete già pronti degli alleati pieni di vitamine e dal potere saziante.

cibo natale24) Non ci chiamiamo Food&Sport a caso

Il Natale significa Babbo Natale che scende dal camino, albero acceso e riunioni di famiglia. Ma sopratutto significa vacanza. Ergo, torniamo subito al punto 1 e ricordiamo che, anche il nostro sport preferito deve rallentare un pochino. Attenzione, mai smettere, sia mai che il nostro fisico registri un eccessivo relax e molli troppo la presa, per poi subire uno shock a gennaio.

natale-bilancia-580x526Tradotto: possiamo anche dimenticarci il crossfit o il calcetto per una decina di giorni ma attenzione a non capitolare tragicamente sul divano. L’ideale sarebbe mantenere sempre attivo il metabolismo, con semplici gesti che devono diventare abitudini. Prendere l’iniziativa e portare a spasso ogni giorno i cani della famiglia riunita? Può essere un esempio. Apparecchiare, sparecchiare, sostituire le posate cadute alla cara Prozia? Utilissimo, praticamente uno squat ogni dieci minuti. Alzarsi da tavola un pochino prima della famiglia con la scusa di dare un’occhio ai bambini che cercano di arrampicarsi sull’albero? Potrebbe evitarvi il terzo giro di torrone e procurarvi una bella sessione di sollevamento-nani. Insomma, trovate degli escamotage per restare attivi, vedrete che la digestione e l’umore ne beneficeranno. Oltre a conquistarvi la gratitudine del clan.

5) Ballate, anche se l’unico posto che avete a disposizione è il salotto di casa vostra

cibo nataleCosì recitava un famoso monologo e noi Marchese lo rispolveriamo ogni giorno. A proposito di sport e divertimento, vi suggeriamo questa chiave di lettura: le cene con gli amici, la casa piena di bambini, gli aperitivi aziendali… sono oneri&onori delle feste, si sa. Provate a trasformare ogni occasione in una pista da ballo. Muovetevi, ballate, rilassatevi e fatevi una risata. Ecco che, con lo spirito giusto e la buona compagnia, il solito bar sotto casa può cambiare veste, potete intrattenere pargoli annoiati facendo loro scoprire Jingle Bells Rock di Billy Idol e magari, con la stassa tecnica, potreste anche far muovere il piede al Responsabile Risorse Umane della vostra multinazionale. Provateci, la vita è troppo breve per I sensi di colpa a Gennaio.

 

Parola di Marchese Mangione