Sabato 10 Dicembre

Il futuro di Conte spaventa Tavecchio: “le sirene del nord lo tentano, ad aprile chiuderò la faccenda!”

LaPresse/Jennifer Lorenzini

Il presidente della Figc analizza il futuro del ct, sottolineando come a primavera ci sarà l’incontro decisivo per risolvere la questione rinnovo

Il futuro di Antonio Conte è sempre più incerto, l’orizzonte temporale rimane quello di Euro2016, ma non si sa se lo vedremo sulla panchina azzurra anche dopo la rassegna continentale.

LaPresse/Fabio Cimaglia

LaPresse/Fabio Cimaglia

Per Conte c’è il problema delle sirene del Nord – commenta Carlo Tavecchio ai microfoni di Radio Radio oltre a quello che ho fatto con lo sponsor non posso fare. Ci siamo dati appuntamento a primavera, ad aprile chiuderò la faccenda. Per sirene del Nord intendo del Nord Europa, offrono milioni e milioni ma bisogna vedere se sono vere. Ho contatti quotidiani con Conte. Lui non è solo il ct, è il responsabile di tutta la Nazionale e gli abbiamo dato le opportunità per esprimersi settimanalmente sui campi, abbiamo 17 squadre“. Il presidente della Figc non ha ancora pensato ad un possibile sostituto, ma crede ancora che sarà Conte a guidare l’Italia dopo l’Europeo francese: “le alternative a Conte non le ho neanche pensate e non voglio pensarle.

LaPresse

LaPresse

Abbiamo trovato una persona che fa della cultura del lavoro la sua religione ed è quello che serve alla Nazionale in questo momento. Conte è una persona talmente seria, farà l’interesse della Federazione. Abbiamo fatto una operazione intelligente dal punto di vista economico. La differenza l’ha pagata lo sponsor con cui abbiamo un contratto quadriennale e con Conte un biennale, dunque siamo in grado di mantenerlo anche quadriennale“. Infine Tavecchio fissa l’obiettivo da raggiungere a Euro2016: “andiamo convinti di fare bella figura, l’ideale sarebbe arrivare almeno alle semifinali. Poi da tifoso dico che l’obiettivo è vincerli“.