Domenica 4 Dicembre

Fiat Tipo: il successo parte dal nome [FOTO]

La Casa del lingotto ha scelto il nome di un  iconico modello per identificare la sua nuova berlina

Il debutto della nuova Fiat Tipo, l’inedita berlina tre volumi della Casa del Lingotto, fa sorgere un spontanea riflessione sul motivo della scelta di questo particolare nome da parte del Costruttore italiano. Fiat ha infatti rispolverato il nome dell’omonimo modello lanciato nel 1988, capace di raccogliere nel corso degli anni numerosi successi.fiat tipo 1988 (5)

La prima generazione della Tipo si presentava come una razionale vetture due volumi di segmento “C” particolarmente spaziosa e versatile, capace di soddisfare i gusti di diverse tipologie di clienti. Considerando le tante differenze tra la Tipo di oggi e quella di ieri, cerchiamo di analizzare e scoprire cosa accomuna queste due auto.

Come accennato in precedenza, la Tipo del 1988 si pone come una vettura polivalente: da un lato c’è il suo ampio abitacolo, capace di accogliere comodamente 5 persone adulte – come sottolineato dalla pubblicità dell’epoca “5X5XNoi” – offrendosi quindi come un’auto adatta per le famiglie e lunghi viaggi, anche se le dimensioni esterne non esagerate la rendevano indicata anche per la città. La Tipo inoltre vantava anche un lato sportivo, grazie all’introduzione della variante Tipo 2.0 litri sedici valvole – capace di sprigionare 145 CV – che aveva come obiettivo quello di sfidare sua maestà la Golf GTI.

Dopo aver analizzato i dettagli della vettura, sembra decisamente più chiaro perché Fiat abbia deciso di riutilizzare questo nome per la sua nuova berlina: entrambe le vetture sono due auto concrete, estremamente spaziose e ideali per la famiglia. La Fiat Tipo è un auto per tutti i giorni, quasi camaleontica, perché consente di soddisfare numerose necessità e promette di adattarsi alla perfezione allo stile di guida di persone differenti tra loro, che sia per età, per sesso o semplicemente per stile di vita.