Sabato 10 Dicembre

F1, spy story: tutta la verità della Ferrari

LaPresse/Photo4

La Ferrari prende le distanze: nessuna assunzione per l’ingegnere accusato di spionaggio

Di ieri la notizia di un nuovo presunto caso di spionaggio in Formula 1. L’ingegnere Benjamin Hoyle è accusato di aver acquisito dei dati riservati del team Mercedes prima di abbandonarla e trasferirsi in Ferrari. Il team di Maranello ha però dichiarato di non aver mai preso contatti con quest’ingegnere. “Ci sono stati dei colloqui ma che non hanno condotto ad un accordo formale, quindi non sarà con noi nel prossimo futuro. Non è vero che stava per venire da noi“, ha dichiarato un portavoce della “Rossa”. La Ferrari quindi se ne tira fuori e sulla denuncia da parte di Mercedes nei confronti di Hoyle: “è una cosa che riguarda solo lui e la società per cui sta lavorando. Noi non siamo coinvolti“, ha concluso il portavoce della Ferrari.