Venerdi 9 Dicembre

Dakar 2016: ecco il nuovo gioiello targato Peugeot

E’ stata presentata la nuova Peugeot 2008 DKR16 e parteciperà alla prossima edizione del celebre raid

La Peugeot ha svelato la nuova auto che parteciperà alla prossima edizione della Dakar, che prenderà il via il prossimo 2 Gennaio. La nuova vettura presenta delle notevoli differenze rispetto a quella utilizzata nel 2015 a cominciare dalle dimensioni. La nuova 2008 DKR è più larga e più bassa, in modo da avere una migliore ripartizione delle masse. La carrozzeria è in fibra di carbonio su telaio tubolare e misura 4,28 m di lunghezza, 2,2 m di larghezza e 1,79 m di altezza. Sono presenti delle prese d’aria sul tetto per migliorare l’aerodinamica e i flussi d’aria; le ruote di scorta non sono più posizionate sulla parte posteriore dell’auto, ma sulle fiancate.peugeot 2008 dkr16 (8) Anche l’assetto presenta delle novità: le sospensioni hanno uno schema a doppi triangoli, molle elicoidali e doppi ammortizzatori regolabili su ciascuna ruota. I cerchi in magnesio monoblocco da 8.5″x17″, anch’essi di nuovo disegno, montano pneumatici Michelin 37/12,5/17. L’impianto frenante prevede dischi da 355 mm e pinze a quattro pistoncini. Il motore equipaggiato è un 3.0 TDI Turbodiesel a doppia sovralimentazione, con sei cilindri a V, una potenza di 350 CV e un cambio manuale sequenziale a sei marce. Le novità aerodinamiche e il nuovo propulsore garantiranno, ai piloti, la possibilità di raggiungere la velocità di 200 km/h. Le modifiche, apportate dalla Peugeot, all’aerodinamica e al motore hanno lo scopo di rendere la vettura più veloce in modo da puntare alla vittoria della Dakar, che manca ormai dal 1990. La scelta dei quattro piloti che guideranno quest’auto, Stéphane Peterhansel, Cyril Despres, Carlos Sainz e Sébastien Loeb, sono una dimostrazione ulteriore dell’intenzione della casa francese di voler avere un ruolo da protagonista nella corsa.

FRANCOIS FLAMAND

FRANCOIS FLAMAND

Si mostra soddisfatto Peterhansel, nove volte vincitore del raid: “Si sente nettamente che la vettura è più lunga, più larga e con un baricentro più basso: è molto più stabile! Questo ci permetterà di essere più veloci in curva. Si sente la differenza anche a livello di motore: non è soltanto più potente ma permette di sfruttare tutta la sua potenza anche ai bassi regimi. Sta a noi usare nel modo più efficace tutti questi cavalli. Una sfida davvero divertente! Non siamo ancora al massimo delle nostre capacità, ma finora i test si sono dimostrati molto proficui”. La Peugeot punta alla vittoria. Sarà il tempo a dirci se le novità apportate avranno dato i loro frutti.