Domenica 11 Dicembre

Chelsea, comincia l’era Hiddink: “non faccio proclami, i giocatori si guardino allo specchio”

LaPresse/PA

L’allenatore olandese poi lascia intendere che Didier Drogba possa entrare a far parte del suo staff: “vorrei lavorare con lui”

Mourinho è ormai il passato del Chelsea, il presente si chiama Guus Hiddink che, proprio oggi, si presenta ai suoi nuovi tifosi e alla stampa, iniziando con un attacco duro verso i suoi giocatori: “devono guardarsi allo specchio perché io non dovrei essere qui“.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

 L’allenatore olandese non fa proclami e non fissa obiettivi: “ho spiegato alla squadra perché sono stato chiamato e ho detto loro che voglio che ciascuno si guardi allo specchio, qui o a casa. Non voglio che pensino troppo al passato, non possono ignorare quello che è successo ma ho chiesto loro di essere professionisti e di guardare avanti”. Il titolo sembra ormai un miraggio, il distacco dal Leicester capolista è di venti punti e risulta, oggi, difficilmente recuperabile: “voglio fare le mie valutazioni, in allenamento come nello spogliatoio. Hanno già dimostrato di cosa sono capaci, e non ho visto in loro una mancanza di motivazioni. Ma se sono qui, a metà stagione, significa che le cose non sono andate come avrebbero dovuto. Mourinho? Non so cosa abbia vinto di preciso in carriera, ma ho molto rispetto per lui”.

ZumaPress

ZumaPress

Infine una battuta su Didier Drogba visto insieme ad Hiddink in occasione della partita contro il Sunderland: “Ho lavorato con Didier qualche anno fa e lui è una leggenda per questo club e in tutto il mondo. Mi piacerebbe lavorare con lui, ma è sotto contratto con il club di Montreal. Vediamo come si potrà risolvere”.