Domenica 4 Dicembre

Caos Venezuela! Ammutinamento di massa, 16 giocatori abbandonano la Nazionale

LaPresse/EFE

Sedici calciatori della “vinotinto” lasciano la nazionale chiedendo il cambio dei vertici della Federazione

Scoppia il caos all’interno della nazionale di calcio del Venezuela. Dopo l’addio del difensore del Middlesbrough, Fernando Amorebieta, annunciato martedì scorso attraverso una lettera aperta, ben quindici suoi compagni di nazionale hanno deciso di seguirlo.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Il motivo di questo abbandono di massa è legato alle dichiarazioni del presidente della Federazione venezuelana di calcio (FVF), Laureano González, che senza mezzi termini ha tacciato i giocatori della “vinotinto” di remar contro il ct Noel Sanvicente con la speranza di un suo esonero. La risposta dei giocatori non si è fatta attendere: “tali affermazioni sono totalmente false e offendono il nostro onore e la nostra reputazione proviamo molta delusione per la mancanza di sostegno da parte dello staff tecnico della nostra nazionale di fronte a queste accuse” pertanto fino a quando “la Federazione venezuelana di calcio sarà guidata dall’attuale dirigenza, il sogno di qualificarsi a un Mondiale di calcio è compromesso” e che “il danno potrà essere riparato con il rinnovo della dirigenza della Federazione”.

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

I giocatori che hanno firmato questa lettera sono i più importanti che la nazionale ha a disposizione: Tomás Rincón, Oswaldo Vizcarrondo, Salomón Rondón, Roberto Rosales, César González, Luis Manuel Seijas, Franklin Lucena, Grenddy Perozo, Josef Martínez, Juan Falcón, Nicolás Fedor, Gabriel Cichero, Ronald Vargas, Alejandro Guerra y Christian Santos. Questa polemica tra i giocatori della “vinotinto” e la Federazione venezuelana, con il conseguente ammutinamento di massa, non fa altro che peggiorare la situazione della squadra, attualmente ultima nel girone sudamericano di qualificazione al Mondiale 2018. Il problema è lontano dall’essere risolto, cosa ne sarà del futuro del Venezuela?