Martedi 6 Dicembre

Battibecco tra il prefetto Gabrielli e Pallotta, alta tensione a Roma!

LaPresse/Alfredo Falcone

Il prefetto ha sottolineato, ironicamente, di ricevere presso il suo ufficio, giornalmente, cani e porci. Il presidente della Roma ha replicato: “io quale sono dei due?”

Come se non bastasse il momento delicato che la Roma sta passando dal punto di vista sportivo, ecco che arriva un’altra nuvola ad increspare il cielo sopra Trigoria. Si tratta del battibecco tra il prefetto Gabrielli e il presidente della Roma, Pallotta, che da qualche giorno continua a ripetere di aver in programma un incontro con lo stesso Gabrielli senza che quest’ultimo ne sia a conoscenza.

prefetto gabrielliIo sto a Palazzo Valentini – commenta il prefetto – e sono facilmente reperibile a qualsiasi numero, sia di giorno che di notte, e quindi forse c’è qualche difetto di comunicazione perché io non mi nego a nessuno e, come dico un po’ scherzando, ricevo cani e porci. Non mi piace – ha aggiunto Gabrielli – che si comunichino impegni con riferimento ad altri, non fissati. È come se io dicessi che adesso mi devo vedere con Obama, mentre la buona educazione, istituzionale e non, presuppone che io chieda a qualcuno di incontrarlo e poi se quel qualcuno mi dice di sì posso comunicarlo: io non dico mai che incontrerò qualcuno se non l’ho nemmeno sentito. Capisco che i problemi di questa città non sono Mafia Capitale, l’amministrazione che è andata a scatafascio, le prossime elezioni o il Giubileo, ma questo incontro che molto probabilmente faremo al chilometro 102 della Cairo-Suez, così almeno gli daremo anche una valenza storica“.

pallotta Pallotta ha replicato un pò seccato alle dichiarazioni del prefetto, utilizzando anche una buona dose di ironia: “ho appena letto le dichiarazioni, chi dovrei essere io, il cane o il porco? Perché se fossi il cane dovrei abbaiare e se fossi il porco dovrei grugnire“.