Martedi 6 Dicembre

Yamaha, Lin Jarvis stanco delle polemiche: “non pratico sofrologia come Lorenzo”

Lin Jarvis, stanco delle polemiche, cerca di metterci una pietra sopra e di pensare solo ed esclusivamente al futuro

Sembra che si stiano definitivamente placando le polemiche che hanno colpito il mondo della Moto Gp nelle ultime settimane della stagione 2015. Anche se per Valentino Rossi è un boccone difficile da digerire, tutti gli altri stanno cercando di lasciare alle spalle quanto accaduto. Anche Lin Jarvis è tra questi. Il Managing Director della Yamaha infatti vuole dimenticare, per quanto possibile, tutto quello che è successo e pensare solo al futuro: “Abbiamo vinto undici delle 18 gare. E abbiamo dominato dalla prima all’ultima gara. Valentino ha preso la testa della classifica nella prima gara in Qatar. Dopo il GP di Brno Jorge è stato a pari punti con Vale ma avendo quattro vittorie è stato per due settimane leader del campionato. Poi siamo rimasti fino all’ultima gara in vetta al Mondiale. La partita perfetta per l’anniversario dei 60 anni”, ha dichiarato Jarvis, ma l’atmosfera nelle ultime settimane è cambiata,

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

certamente mi ha aiutato non essere né italiano né spagnolo. – ha continuato il managing director – Dico questo come uno scherzo, ma c’è anche un briciolo di verità dietro di esso… Ho fatto un sacco di esperienze positive e alcune negative in tutti questi anni. Questo mi ha aiutato a mantenere la calma in situazioni più stressanti… Del resto non pratico Sofrologia come Jorge, ma io amo il Gin Tonic. Una bevanda può fare miracoli, alla fine di una giornata pesante”. Per concludere, uno sguardo al futuro: “dovremmo smettere con tutte queste polemiche e speculazioni… Sono lieto che Valentino abbia avuto una stagione favolosa. Perdere la Coppa del Mondo alla fine per soli cinque punti deve essere un brutto colpo. Noi di Yamaha siamo orgogliosi e felici di questa stagione, le nostre congratulazioni vanno ad entrambi i nostri piloti, Jorge e Valentino… Ora guardiamo al futuro”.