Domenica 4 Dicembre

Tennis, Atp Finals: Nadal si complimenta con Djokovic

LaPresse/Reuters

Rafael Nadal riconosce la bravura di Novak Djokovic che lo ha battuto ieri nella semifinale della Atp Finals

Rafa Nadal è stata sconfitto ieri nella semifinale delle Atp Finals dal serbo numero 1 del mondo Novak Djokovic. Il tennista spagnolo, in un’intervista riportata da Ubitennis ha riconosciuto la bravura del suo avversario, complimentandosi con lui: “ha colpito in modo incredibile, ha risposto in modo incredibile. Quest’anno ha servito alla grande. Ed è in grado di giocare senza commettere errori e di cambiare direzione in modo così semplice, e di giocare molto, molto profondo. Ha fatto tutto bene. È stato migliore di me e ha meritato tutto quello che ha fatto nella stagione. Sta giocando benissimo. E quando qualcuno gioca in questo modo, l’unica cosa da fare è fargli i complimenti e sperare che non abbia tutta questa fortuna l’anno prossimo (ride)”, ha dichiarato Rafa.

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Il tennista spagnolo però dichiara di allenarsi per se stesso e non per battere Nole:  “non mi alleno mai pensando agli altri – ha affermato Nadal -, ma pensando a cosa devo migliorare io. Penso a cosa posso fare meglio e poi vedo se va bene. Credo che personalmente ciò che mi motiva è migliorare per essere un tennista migliore. Ogni tennista ha le proprie motivazioni, io non mi alleno pensando di battere Novak o cosa devo fare per battere Roger. La mia è sempre stata una motivazione personale. E poi vedremo, il 2016 sarà una nuova stagione. Spero possa essere migliore per me. Novak al momento è quasi imbattibile. E l’unica cosa che puoi fare è congratularti con lui. Le cose oggi sono così, e non sai mai cosa possa accadere in futuro. Sono stato in ottime posizioni un paio di volte, e poi è successo che ho dovuto affrontare degli infortuni, e le cose cambiano. Non è semplice. Quello che sta facendo Novak è incredibile. Ma questo è vero se qualcuno riesce a farlo, è lui, e non è semplice stare in vetta per quattro, cinque anni di seguito”, ha concluso il tennista.