Sabato 10 Dicembre

Sorrentino e la ‘ricetta Dybala’: “se segna lo prendo a sberle. Juve? A 18 anni disse che non avevo futuro”

LaPresse/ Marco Rosi

Alla vigilia della sfida tra Palermo e Juventus, il portiere rosanero Stefano Sorrentino lanciano un messaggio all’amico Dybala e ricorda il suo passato in bianconero

Da compagno di squadra a pericolo pubblico numero uno, in Palermo-Juventus di domani sera gli occhi saranno puntati tutti su si lui, su Paulo Dybala. “Se farà gol a fine partita gli mollerò una sberla”, sorride Stefano Sorrentino ma allo stesso tempo sa che quella contro i bianconeri non sarà sicuramente una partita facile. “Non è la Juventus di inizio stagione – ha dichiarato il portiere rosanero nel corso di un’intervista pubblicata stamattina dalla Gazzetta dello Sport –  l’abbiamo visto anche in Champions League. Pure il Palermo però è messo bene, è una gara da tripla”.

“Dovremo stare attenti soprattutto a un vecchio amico, Paulino Dybala. Avendolo visto all’opera per tre anni, soprattutto in allenamento, non avevo dubbi che avrebbe fatto bene anche in una grande squadra: oltre a essere un grande talento, è caparbio e non molla mai. Lo rivedo volentieri”, prosegue Sorrentino. Che poi ricorda i suoi passati bianconeri: “Arrivati alla soglia del primo contratto da professionista la Juventus mi scaricò dicendomi che non avevo un futuro. A diciotto anni una mazzata così poteva risultare decisiva. Mi prese subito il Torino e da lì spiccai il volo”.