Giovedi 8 Dicembre

Poche emozioni a San Siro, tra Milan e Atalanta vince la noia

LaPresse/Spada

Si ferma la serie di vittorie del Milan, fermato sullo 0-0 da un’attenta Atalanta che nel finale sfiora il colpaccio

Dopo tre vittorie di fila, si ferma la striscia del Milan che si fa imporre il pari a San Siro da una bella Atalanta, capace di ribattere colpo su colpo agli attacchi rossonera, unica nota positiva la porta inviolata di Donnarumma. Prima da titolare per Niang in questa stagione, Mihajlovic lancia subito nella mischia l’attaccante francese affiancandolo a Bacca e Cerci, mentre dietro dà spazio a Mexes accanto a Romagnoli. Nell’Atalanta Pinilla vince il ballottaggio con Denis piazzandosi al centro dell’attacco bergamasco. Ritmo basso nei primi minuti di gioco, Paletta e Toloi riescono a tenere a bada Bacca senza problemi, Moralez e Gomez dall’altro lato non pungono.

 LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Al ventesimo minuto Reja deve fare i conti con l’infortunio di Dramè che deve lasciare il posto a Bellini. Il Milan prova a spingere ma Sportiello fa buona guardia, ci prova Bacca con un’azione personale ma il suo destro dal limite dell’area piccola viene respinto da Paletta. L’Atalanta non riesce a creare pericoli dalle parti di Donnarumma, Pinilla rimane isolato senza avere i rifornimenti dei due esterni offensivi. La prima frazione di gioco finisce senza reti, nella ripresa Mihajlovic sostituisce De Sciglio con Calabria per avere più spinta sulla fascia destra, ma la manovra milanista è troppo compassata per creare grattacapi a Sportiello. Con il passare dei minuti però cresce l’Atalanta che, intorno al ventesimo, va vicina al gol per tre volte con Moralez, Grassi e Cigarini ma Donnarumma si oppone da campione. Nel finale Mihajlovic prova a tentare il tutto per tutto inserendo Luiz Adriano il quale si rende subito pericoloso con un colpo di testa respinto sulla linea da Bellini. Nessun brivido nel finale, finisce 0-0 una gara con poche emozioni giocata male dal Milan che, forse, avrebbe dovuto osare di più per portarsi a ridosso della zona Champions.