Domenica 11 Dicembre

Pjanic e Dzeko non bastano alla Roma, Destro regala il pari a Donadoni

LaPresse/Massimo Paolone

I giallorossi sfiorano una vittoria importantissima grazie ai bosniaci Pjanic e Dzeko ma, nel finale, Destro regala a Donadoni un punto d’oro

Sotto il diluvio Roma e Bologna danno vita ad una gara piena di emozioni, conclusa sul 2-2 ma incerta fino al triplice fischio finale. Tre rigori e tanti capovolgimenti di fronte, con il pari degli emiliani che arriva a quattro minuti dalla fine.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

 E’ una squadra in emergenza, quella dell’allenatore francese che deve fare i conti con le assenze di Salah, De Rossi e Totti, mentre Donadoni si affida a Destro che mostra il dente avvelenato contro la sua ex squadra. L’avvio di gara è di marca emiliana, prima Mounier si vede annullare il gol da Rocchi per fuorigioco, poi è Masina a trovare quello buono con un destro da due passi che trafigge Szczesny. La Roma barcolla, Diawara sfiora subito il raddoppio con un violento fendente che sibila alla destra del portiere polacco dei giallorossi. Il Bologna gioca meglio, Giaccherini è indemoniato e Destro lotta su tutti i palloni, l’intervallo arriva giusto in tempo per permettere a Garcia di riordinare le idee. Nella ripresa entra una Roma più agguerrita che dopo sette minuti trova il pari.

LaPresse/Massimo Paolone

LaPresse/Massimo Paolone

Florenzi crossa dalla sinistra trovando la mano di Mounier, calcio di rigore che Pjanic realizza tirando sotto il corpo di Mirante. La spinta offensiva degli ospiti non diminuisce, Dzeko si trova a tu per tu con Mirante ma gli calcia addosso, Florenzi invece non impensierisce il portiere avversario tirando troppo debolmente. Intorno alla mezz’ora la Roma passa in vantaggio, ancora con un calcio di rigore procurato da Iturbe e realizzato da Dzeko. Gli uomini di Garcia abbassano il ritmo cercando di condurre in porto una vittoria fondamentale ma, nel finale, Torosidis stende Giaccherini e consente a Destro di pareggiare i conti dal dischetto. Dopo sei minuti di recupero finisce tra gli applausi una partita fantastica.