Domenica 11 Dicembre

Perchè Blatter non consegnò la Coppa del Mondo all’Italia nel 2006? L’omertà del calcio in un libro

Lapresse/Marco Rosi

Misteri svelati legati al mondo del calcio nel libro dal titolo “Omertà” scritto da Andrew Jennings ed edito da Rizzoli. Dall’episodio del Mondiale 2006 agli inganni della FIFA: l’omertà di Blatter in un libro

La finale dei mondiale del 2006 vide un momento davvero anti-sportivo. Anzi, per essere più precisi, non lo vide. Lo visse. Stiamo parlando della consegna della Coppa del Mondo alla Nazionale italiana da parte di colui che sarebbe stato incaricato di farlo. E che invece sparì, nascondendosi, e rinunciando all’importante e significativa consegna ufficiale. L’uomo della vergognosa rinuncia ha nome Joseph Blatter, dal 1998 presidente e papà-padrone della FIFA. Cinque mandati consecutivi consolidano amicizie e abitudini. È umano. Se per caso vi interessa leggere e documentarvi sulla straordinaria “umanità” di Joseph “Sepp” Blatter, potete comprare e leggere questo libro: “Omertà”, di Andrew Jennings, edito da Rizzoli. Nelle sue pagine si raccontano tante cose. Si parla di Mondiali assegnati ai paesi che sostengono Blatter nel consiglio direttivo FIFA, di compravendita di diritti marketing e televisivi, di quindici anni di ricerche accurate. Tanto accurate che l’FBI decide poi di farle proprie e di sollevare il coperchio FIFA per scoprire, finalmente, cosa stia bollendo in pentola. È un libro utile. Utile per capire che forse “scaldarsi” più di tanto allo stadio non serve a nulla. Utile per capire come mai Blatter non consegnò agli azzurri quella Coppa del Mondo. Utile per capire come mai il calcio di oggi non è più il gioco più bello del mondo.