Domenica 11 Dicembre

Moto Gp, la Honda ammette: “abbiamo commesso un errore”

Shuhei Nakamoto fa il bilancio di questa stagione appena terminata di Moto Gp tra gioie ed errori

Tempo di bilanci in Moto Gp. La stagione si è conclusa ormai da una settimana ma si continuerà a parlarne ancora per un po’. Anche se le polemiche sembrano essere svanite, probabilmente ci saranno ancora degli aspetti, delle ulteriori dichiarazioni e dei comportamenti che faranno discutere. Intanto, in casa Honda, il vice presidente Shuheu Nakamoto ha commentato questa stagione 2015, ammettendo di aver commesso un errore: “quest’anno non è andata così bene come ci aspettavamo. Il problema principale era la caratteristica del motore di quest’anno. Già nei test di Valencia lo scorso anno Marc e Dani non erano contenti. Abbiamo provato diverse cose per portare un motore migliore nel test di Sepang durante l’inverno. A Sepang il ritmo di Marc e Dani era buono, quindi siamo rimasti soddisfatti. Questo è stato il nostro più grande errore”. “Il motore in Qatar ha dato ancora una sensazione molto aggressiva – ha continuato Nakamoto -. Ben presto abbiamo cambiato lo scarico, modificando l’elettronica, mentre Marc è tornato al telaio 2014. Motore di quest’anno non era abbastanza delicato. Pertanto non solo Dani e Marc, ma anche Cal e Scott hanno avuto problemi con i tempi sul giro veloce”. Qualcosa deve quindi cambiare per la prossima stagione se la Honda vuole tornare a lottare per il titolo mondiale.