Domenica 4 Dicembre

Moto Gp: ecco perchè Lorenzo ha chiesto al Tas di intervenire nel “caso Rossi”

LaPresse/Reuters

Albert Valera, legale di Jorge Lorenzo, spiega perchè il pilota maiorchino ha chiesto al Tas di poter intervenire nell’arbitrato tra Rossi e la FIM

Di oggi pomeriggio la sorprendente notizia secondo la quale Jorge Lorenzo ha chiesto al Tas di poter intervenire nell’arbitrato tra Valentino Rossi e la FIM, richiesta negata dal Tribunale Arbitrale dello Sport. Ma, perchè? “Dopo che Valentino Rossi venerdì scorso ha deciso di presentare ricorso alla Corte di Arbitrato per lo Sport (TAS) per annullare o ridurre la sanzione inflitta dalla Federazione Internazionale di Motociclismo (FIM) dopo il Gran Premio della Malesia, gli avvocati di Jorge Lorenzo hanno presentato ieri una relazione allo stesso stesso TAS come parte interessata in questo processo” si legge in una nota diffusa oggi dal legale del pilota mallorchino.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Lo scopo – spiega Albert Valera, legale di Lorenzo –  e’ quello di informare il TAS che un terzo potrebbe essere colpito dalla decisione finale dell’arbitro unico. Jorge e’ un pilota che sta lottando per il mondiale con Fair Play e un comportamento esemplare in pista e ha voluto informare il TAS che questo processo potrebbe influenzare le possibilita’ di Jorge come concorrente. La risoluzione odierna del TAS rifiuta la partecipazione di Jorge come parte del processo, ha invece accettato tutte le informazioni supplementari presentate dai suoi avvocati, che e’ conosciuto come amicus curiae, come parte del fascicolo“. “E’ per un obbligo morale che abbiamo visto necessario informare il TAS sulla situazione di Jorge come parte interessata in questo processo per tenerne conto – continua Valera – Sapevamo che difficilmente saremmo riuscitio ad essere parte del processo a causa della natura eccezionale del caso. Non e’ stato il nostro obiettivo di includere George in un processo cosi’ complesso, ma di fornire ulteriori informazioni che possono assistere l’arbitro unico a prendere la decisione giusta. In alcun caso andremo a presentare un qualsiasi ricorso, non e’ mai stata nostro intenzione, ne’ chiedre una sanzione maggiore perche’ rispettiamo la decisione di di Direzione Gara e FIM. Jorge e’ assolutamente concentrato sulla gara di domenica e al di fuori della decisione del TAS“.