Sabato 10 Dicembre

“Monte Bianco”, una palestra a cielo aperto anche per chi non ama la montagna

Un programma che segue su Rai2 il successo di Pechino Express, “Monte Bianco” un esperimento italiano per chi ama ma anche per chi non ama la montagna

Non amiamo molto la montagna. Ci fa un po’ paura l’altezza. Pensiamo di soffrire di vertigini. Non abbiamo mai capito perché uno debba fare tanta fatica per arrivare su di una cima per poi dover ridiscendere in tutta fretta. Eppure ci è piaciuto davvero molto il programma Rai Monte Bianco. Sappiamo già di attirarci le critiche feroci dei puristi e di quelli che criticano sempre, tutto, per principio. Ma noi non siamo puristi, né alpinisti. Lo abbiamo già dichiarato. Eppure questo reality ci è piaciuto. E ci ha fatto venire voglia di andare in montagna. Non perché pensiamo sia facile. Non perché abbiamo visto andarci delle star. No. Ci è venuta voglia di andare in montagna per godere di certe viste, di certe solitudini, di certe guide, di certi cieli, di certi momenti, di certa natura. Il merito di questo reality, a nostro parere, è quello di mettere a confronto la gran parte dei “cittadini” che praticano sport “al chiuso” di palestre e piscine, con la spettacolare potenza di quella “palestra a cielo aperto” chiamata montagna. Guardando questo programma, seduti sul divano, viene voglia di muoversi, camminare, respirare. A pieni polmoni. Viene voglia di vivere.