Venerdi 9 Dicembre

Milan, senti Romagnoli: “Juve, non ti temo. Che peso il prezzo del mio cartellino”

LaPresse/Spada

Sempre più al centro del progetto Milan, Alessio Romagnoli parla del suoi ambientamento in rossonero e presenta la sfida alla Juventus. Con una frecciatina alla Roma…

“Arrivare al Milan a 20 anni con questa cifra addosso so che è un bel sasso da portarsi dietro, però mi sto ambientando bene e sto riuscendo a dare il massimo”. Quei 25 milioni di euro saranno e solo tutt’ora un pensiero ricorrente nella mente di Alessio Romagnoli. Il grande investimento dell’estate rossonera inizia piano piano a carburare, dopo un avvio un po’ titubante: “Mi sto trovando molto bene con tutti, in particolare con i romani Bertolacci e Cerci – ha dichiarato il difensore rossonero ai microfoni di Milan Channel – lavorando giorno dopo con costanza negli allenamenti i risultati stanno iniziando ad arrivare”.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Romagnoli rivela poi i suoi modelli: “Prima ero centrocampista quindi Zidane, poi da quando sono arrivato alla Roma, Nesta. E’ un motivo d’orgoglio essere paragonato a lui, ma è difficile fare la sua carriera”. Per concludere un pensiero alla sua ex squadra, la Roma, ed uno alla prossima avversaria, la Juventus: “A Roma non mi sentivo parte del progetto, partivo già in panchina. Poi quando ti chiama una squadra come il Milan non puoi dire di no. Juventu? Grande squadra, ma non temo nessuno”.