Venerdi 9 Dicembre

Marchionne fa chiarezza sulla questione Red Bull e attacca Todt

LaPresse/Reuters

Il presidente della Ferrari non chiude la porta alla Red Bull e attacca Todt

Il presidente della Ferrari Sergio Marchionne in conferenza stampa al Mugello dice finalmente la sua sulla vicenda Red Bull, alla ricerca di stabilità in vista del prossimo anno: “La possibilità di cooperare con la Red Bull per quanto riguarda lo sviluppo di una power unit rimane un’opzione valida ma non nel contesto della Ferrari che va a dotare la Red Bull di un motore equivalente a quello utilizzato dalla Ferrari in gara. Quindi c’è disponibilità da parte dell’azienda di fornire servizi di ingegneria anche di produzione di motori che venga fatto come un progetto a parte per la Red Bull dove la Ferrari si impegna a dare il suo meglio ingegneristico a questa impresa e dare sia alla Red Bull che ad altre squadre minori di avere questi motori, ma non possono essere i motori che la Ferrari utilizza in gara”.

Parole chiare che hanno un seguito ancora più semplice riguardo il prossimo anno e i prossimi obiettivi in casa Ferrari: “Il mio sogno non è di sconfiggere la Mercedes, il mio sogno è quello di rendere la Ferrari quello che è capace di essere e quindi cominciare a condividere quelle cose che sono essenziali che fanno parte del Dna di questa azienda e darlo a un prezzo ad altri per poi crearsi una concorrenza lo trovo quasi un discorso sciocco. La Ferrari è capace di mettere le sue capacità ingegneristiche a disposizione di altri ma lo deve fare con un progetto diverso che dovrebbe andare a coinvolgere la Fom. Io sono ben disposto a mettere a disposizione le risorse, ma non per quanto riguarda la condivisione di motori che sono in gara”.

LaPresse

LaPresse

C’è infine anche il tempo per una stoccata al presidente della Fia Jean Todt, vecchia e gloriosa conoscenza di casa a Maranello: “La posizione della Ferrari è di una chiarezza incredibile, mentre quella di Jean Todt è un concetto assolutamente osceno. Todt dice: `Voi ci guadagnate a fornire i motori ai clienti´ e si è lamentato per il veto posto dalla Ferrari sulla vendita a prezzo `politico´ di motori a team minori. Ma cercare di illuderci che sia la Fia sia la Fom possano passare ai costruttori di motori, l’obbligo, l’impegno e l’onere finanziario di finanziare altre squadre lo considero un concetto assolutamente osceno e al di fuori di qualsiasi tipo di aspettativa economica industriale”.