Lunedi 5 Dicembre

Mancini lancia l’Inter: “miglioriamo in un paio di cose e lotteremo per il vertice fino in fondo”

LaPresse/Francesca Soli

L’allenatore dell’Inter Roberto Mancini predica prudenza: “Frosinone? Non esistono gare facili”. E su Sensi ammette: “mi è piaciuto molto”

Un appuntamento da non fallire per mantenere la vetta della classifica e magari allungare sulle inseguitrici. L’Inter si prepara ad affrontare il Frosinone nella sfida di domani sera a San Siro, queste le parole di Roberto Mancini in conferenza stampa: “Queste partite sono difficili per tutte le squadre, il Frosinone sta facendo un ottimo campionato. Non credo sarà una partita così semplice e scontata, oggi non se ne vedono di partite facili da giocare per vincere. Icardi e Jovetic? Devono giocare di più insieme, conoscersi meglio, giocano insieme da poco tempo e hanno ancora margini di miglioramento enormi. Ci aspettiamo tanti gol da entrambi. Se giocheranno insieme domani? Non lo so, poi vediamo. La formazione di domani? Posso dirne 3-4: Handanovic, Kondogbia, Nagatomo e Felipe Melo”.

Mancini analizza i tanti successi per 1-0: “Ci sono state squadre che vincevano con questo risultato, come l’Atletico Madrid che forse faceva qualche gol in più. Infatti è quello che noi vogliamo, per questo lavoriamo, per migliorare questo aspetto. Però è anche importante avere una difesa solida. Credo ci manchi ancora qualcosa, dobbiamo cercare di fare più gol, per il resto la squadra è abbastanza solida. Dobbiamo migliorare quelle due-tre cose che ci permettano di stare nel gruppo di testa fino in fondo”. Infine, una battuta su Stefano Sensi, centrocampista del Cesena  e nel mirino nerazzurro: “Sono andato a vederlo perché ero a casa, per curiosità. È un giocatore che ha molta qualità ma deve crescere ancora secondo me, è giovane. Però mi è piaciuto molto”.