Domenica 4 Dicembre

Il “caso” Valentino Rossi finisce in Parlamento

Opportune verifiche su scommesse: ecco la richiesta arrivata in Parlamento

Dalla pista all’aula di Montecitorio: la MotoGp, dopo il surreale epilogo valenciano, arriva in politica con l’interrogazione presentata la scorsa settimana dall’onorevole Giuseppe Stefano Quintarelli e altri deputati del Gruppo Misto al Ministro dell’economia e finanze, i quali hanno chiesto di chiarire se “nella verifica costante dell’operato dei concessionari di gioco e nella mirata azione di contrasto all’irregolarità eseguita dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli, siano state riscontrate, a partire dalla gara di Phillip Island del campionato mondiale MotoGp, anomalie nell’andamento delle scommesse riguardanti l’esito del campionato stesso”.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Nel testo dell’interrogazione i deputati riportano anche le parole dello stesso Lorenzo, a fine gara: “il momento più difficile è stato vedere Pedrosa avvicinarsi. Pensavo di rischiare di finire terzo e perdere il Mondiale ma loro, sapendo che mi giocavo il titolo, sono stati rispettosi perché il titolo rimanesse in Spagna». La risposta del Ministro, che in questo caso arriverà in forma scritta, è attesa nelle prossime settimane.

Di sicuro, si tratta di un caso senza fine.