Lunedi 5 Dicembre

Inter, senti Felipe Melo: “non sono il più forte ma do tutto per diventarlo”

LaPresse/Spada

Il centrocampista dell’Inter analizza lo scintillante avvio di stagione dell’Inter, parlando anche dell’eventuale arrivo di Andrea Pirlo: “sarebbe il benvenuto”

Un inizio di stagione da incorniciare, l’Inter veleggia al comando della serie A con la difesa meno battuta e guarda al futuro con rinnovato entusiasmo. Felipe Melo è uno degli artefici di questo scintillante avvio di stagione nerazzurro e, intervistato da Fox Sports Brazil, ha espresso le sue considerazioni.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

A prescindere da quello che ha fatto per portarmi all’Inter, Mancini è un ottimo allenatore. Lavora molto e io sono cresciuto parecchio con lui al Galatasaray. Abbiamo vinto insieme e voglio imparare sempre di più da lui“. Nessuno credeva più in lui, ma Felipe Melo è riuscito a riconquistarsi la fiducia dell’ambiente e del pubblico: “credo che non solo la prima partita sia stata importante ma è stata fondamentale la continuità – ha raccontato -. È chiaro che arrivare, vincere il derby col Milan e mostrare a tutti che voglio sempre vincere e contro tutti è stato decisivo. Non posso essere il più forte ma do tutto per arrivare in alto“. Voci di mercato parlano di un avvicinamento di Andrea Pirlo all’Inter, ecco cosa ne pensa Felipe Melo: “a me piace giocare e vincere per l’Inter, indipendentemente da chi gioca al mio fianco. Sono qui per vincere e chiunque venga a darci una mano per riuscirci sarà il benvenuto“.

LaPresse/Alfredo Falcone Il centrocampista nerazzurro, infine, non considera concluso il suo rapporto con la Nazionale brasiliana: “il momento giusto per tornare in nazionale sarà quando arriverà la convocazione. Ognuno fa le sue scelte e ha le sue idee ma sono già 4-5 anni che mostro il mio calcio. Ho fatto bene in Turchia e sto lavorando duro anche ora. È chiaro che sto aspettando una chiamata di Dunga“.