Venerdi 9 Dicembre

F1, Hamilton assetato di vittoria: “ad Abu Dhabi per vincere”

LaPresse/Photo4

Lewis Hamilton vuole tornare a vincere, dopo essersi aggiudicato il titolo mondiale in anticipo, Hamilton vuole chiudere in bellezza la stagione 2015

Lewis Hamilton è il campione del mondo 2015 di F1. Lo è ormai da 3 Gran Premi: quello ad Austin gli ha regalato la vittoria matematica. Nei due Gran Premi successivi il pilota britannico aveva dichiarato di voler continuare a vincere, anche e soprattutto per battere il record di Gran Premi vinti, ma qualcosa è andato storto (o forse è stato tutto meticolosamente calcolato) e a vincere è stato Rosberg che si è così aggiudicato il secondo posto nella classifica mondiale.

LaPresse

LaPresse

Ora, ad Abu Dhabi, la suonata è sempre la stessa: Hamilton vuole vincere e, una volta che nulla può cambiare in classifica, potrebbe riuscirci. “Il 2015 è stato il mio migliore anno e la gara più bella penso sia stata quella di Austin quando ho raggiunto la matematica certezza del titolo. Devo dire grazie al mio team che ha fatto un lavoro straordinario per tutta la stagione. Ora sono felice di essere ad Abu Dhabi e voglio chiudere vincendo la 44esima gara della mia carriera“, ha dichiarato Hamilton oggi in conferenza stampa ad Abu Dhabi. Il pilota Mercedes vuole quindi chiudere in bellezza in questo circuito a lui congeniale:”qui ho vinto due volte, fatto due pole position e lo scorso anno ho anche vinto il titolo all’ultima gara. E’ una di quelle piste dove riesco ad andare meglio, è congeniale alle mie caratteristiche di pilota aggressivo, ci sono molte curve e si frena tardi. In più c’è sempre tanto pubblico e il clima è perfetto. Sarà un duello con il compagno di squadra Rosberg? Io e Nico lotteremo con le strategie che deciderà il team e chi arriverà davanti avrà scelto quella migliore“.

LaPresse

LaPresse

Lewis parla poi della possibilità di partecipare ad una gara di Nascar e del possibile inserimento di nuovi circuiti nel Mondiale di F1: “credo sia un mondo molto diverso dalla F1 ma in certe cose dobbiamo imparare da loro, ad esempio sotto il profilo dello show o del rapporto con i fans che possono avvicinarsi molto di più ai box e vedere i loro beniamini. Sono gare molto divertenti e spero di poter partecipare una volta a una garaE’ bello andare in Paesi diversi e divulgare il nostro sport in altre parti del mondo. E’ giusto però mantenere l’equilibrio tra circuiti nuovi e quelli storici. Credo sia importante restare a gareggiare in piste con molta storia, che sono anche tracciati spettacolari e belli da guidare“, ha concluso il 30enne.