Giovedi 8 Dicembre

Edoardo Agnelli il bianconero

Archivio Storico Juventus/LaPresse i

Ci ha lasciato esattamente 5 anni fa Edoardo Agnelli, filosofico, intellettuale e amante della Juventus

Era la zebra più pura, candida, indifesa: Edoardo Agnelli, figlio di Marella Caracciolo dei Principi di Castagneto e Gianni Agnelli. Edoardo: filosofico, spirituale, sensibile. Troppo sensibile, forse, per il pesante e importante cognome. Viaggiava in India, polemizzava con Margherita Hack, avvicinava a terre lontane. Edoardo aveva sempre lo sguardo altrove. Era interessato alla teologia. E non amava molto il capitalismo. Amava moltissimo, invece, la sua Juventus. Il 28 aprile del 1986 si sedette addirittura in panchina, accanto al Trap. E un giorno dichiarò scaduto “il tempo di Boniperti” in casa bianconera. Edoardo: intelligente, insofferente, intimo. Zebra inerme. Zebra differente. Zebra esangue. 15 novembre 2000. RIP.

Juve: Giovanni Agnelli 68 anni fa diventava presidente, ecco come lo ricorda la “Vecchia Signora”