Sabato 3 Dicembre

E’ un’Inter granitica, Kondogbia stende il Torino e fa sorridere Mancini

LaPresse/Fabio Ferrari

Il francese, arrivato in estate, regala l’ottava vittoria in campionato all’Inter, il Torino si ferma sulla traversa di Baselli

Ancora un 1-0, ancora una vittoria, l’ottava in classifica, per l’Inter di Roberto Mancini che supera il Torino e stacca la Fiorentina in vetta alla classifica, in attesa del posticipo di questa sera che vedrà i viola impegnati a Marassi contro la Samp. Un match difficile e complicato, deciso da un acuto di Kondogbia che toglie le castagne dal fuoco ai nerazzurri e gli regala una vittoria importantissima. Gara bloccata nei primi minuti di gioco, il Torino chiude tutti i varchi senza lasciare spazio alla coppia Icardi-Palacio scelta da Mancini in questa difficile trasferta torinese. Il primo pericolo lo crea Bruno Peres che si fa trenta metri di campo palla al piede e, arrivato al limite dell’area, scarica un destro che si perde sul fondo.

 LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Scampato il pericolo l’Inter cerca di farsi vedere dalle parti di Padelli ma sono ancora i granata a sfiorare il vantaggio con Baselli che con una conclusione a giro colpisce la traversa. Meglio il Torino in questo primo tempo, ma sono i nerazzurri che trovano il vantaggio, è Kondogbia che di sinistro batte Padelli e fa 1-0. Belotti cerca di rimettere subito le cose a posto, ma il suo colpo di testa non trova la porta di Handanovic. Il Torino non ci sta e continua a creare pericoli, l’Inter gestisce ma deve ringraziare Quagliarella quando, nella ripresa, da due passi spreca la palla dell’1-1 servitagli da Molinaro. Intorno all’ora di gioco Ventura si gioca la carta Maxi Lopez al posto di Belotti, Mancini risponde con l’inserimento di Perisic per uno spento Icardi. Il ritmo cala, il Torino sembra non averne più, ci prova ancora Quagliarella ma Handanovic manda in angolo. Dall’altra parte break di Ljajic, entrato al posto di Palacio, che dal limite dell’area calcia alle stelle. E’ l’ultima occasione del match, l’Inter continua a vincere e a non subire gol, Mancini può essere soddisfatto, la sua squadra c’è e si vede.