Martedi 6 Dicembre

Ciclismo: Nibali rimane all’Astana, Vinokourov assicura: “perchè dovrebbe cambiare?”

Il team manager della squadra ciclistica kazaka assicura di essere vicino all’accordo con Nibali per il rinnovo del suo contratto

Il team Astana è pronto a prepararsi per la prossima stagione, un’annata molto dura e difficile che, oltre alle grandi classiche del ciclismo, avrà in programma anche le Olimpiadi di Rio.

Lapresse / MAXPPP

Lapresse / MAXPPP

Il team manager della squadra kazaka, Alexandre Vinokourov, ha snocciolato i numeri della stagione conclusa, guardando con ottimismo al futuro. “Come numero di vittorie, 34, il 2015 è stato la nostra migliore stagione. In totale, da quando abbiamo iniziato nel 2006, fanno già 214 e tra queste ci sono sette grandi giri: abbiamo vinto Giro, Tour e Vuelta. Le affermazioni di Aru alla Vuelta e Nibali al Lombardia ci hanno fatto chiudere l’anno alla grande. Respiriamo ancora quell’aria e abbiamo la consapevolezza di essere una grande squadra. L’obiettivo dell’Astana per il prossimo anno è vincere o il Tour o il Giro d’Italia, il Paese sogna la vittoria all’Olimpiade, ma noi vogliamo prenderci tutto“. Riguardo Nibali, Vinokourov ha le idee chiare: “mi sono incontrato anche oggi (ieri, ndr) col suo agente. Vincenzo con noi si sente bene perché ha a disposizione tutte le condizioni per dare il meglio.

aru nibali Direi che, al 99 per cento, nel 2017 e 2018 correrà ancora con noi. Perché dovrebbe cambiare?”. Infine il team manager della squadra kazaka conclude: “non desideriamo nulla di ciò che già non abbiamo. Con Vincenzo e Fabio siamo a posto. Sono i due corridori migliori che ci sono. Hanno vinto maglia rosa, gialla e rossa. Ora rifacciamo il Giro. In più c’è Alexey Lutsenko, che dopo avere vinto allo Svizzera e ad Almaty è pronto per il salto di qualità. Magari già alla Parigi-Nizza. Punto molto su di lui. Ha caratteristiche simili a quelle che avevo io, però è un po’ più veloce. Lo metteremo alla prova anche al Tour. Tra un paio d’anni potrebbe vincere una Liegi o un’Amstel“.