Martedi 6 Dicembre

Cagliari, la fuga è servita: Ascoli al tappeto, è festa al Sant’Elia

LaPresse/Enrico Locci

La squadra di Rastelli ottiene i tre punti contro l’Ascoli al Sant’Elia e piazza il primo scatto in classifica: per il Cagliari adesso sono quattro le lunghezze di vantaggio sul secondo posto

Prove di fuga. Continua senza sosta la marcia del Cagliari, che grazie al successo sull’Ascoli piazza il primo importante scatto in classifica: quattro punti di vantaggio sulla seconda posizione, occupata in coabitazione da Crotone e Bari. La squadra di Rastelli al Sant’Elia è davvero inarrestabile, l’Ascoli di Mangia nonostante l’impegno può davvero poco: dopo lo spavento causato da Cacia, conclusione che sfiora il palo della porta di Storari, i rossoblù si scatenano. Giannetti, tra i migliori in campo, prima serve Melchiorri che colpisce il palo, poi decide di mettersi in proprio ed i risultati non tardano ad arrivare: al 28’ è vantaggio Cagliari, che due minuti dopo chiude definitivamente i conti con Joao Pedro che prima si procura un calcio di rigore e poi lo trasforma con freddezza. Da quel momento in poi  Cagliari gestisce, con Rastelli che risparmia qualche minuto a Di Gennaro e Giannetti. L’Ascoli ci prova, ma Storari è super sulla conclusione di Bellomo. E Joao Pedro, a pochi minuti dalla fine, si dimostra sempre più come l’arma in più di questo Cagliari mettendo a segno la propria doppietta personale per il definitivo 3-0. Unica preoccupazione per il popolo rossoblù l’infortunio che ha costretto Fossati a lasciare anticipatamente il campo, anche se non dovrebbe trattarsi di nulla di grave. Al Sant’Elia finisce tra gli applausi dei quasi 13.000 spettatori presenti in tribuna, per il Cagliari prove di fuga appena iniziate.