Giovedi 8 Dicembre

Bum Bum Niang! Il Milan cala il poker, Samp annientata

LaPresse/Spada

Uno scatenato Niang spacca in due la partita, prima servendo Bonaventura per l’1-o, poi siglando la doppietta che mette in ghiaccio il risultato. Nel finale Luiz Adriano ed Eder completano il tabellino

La sconfitta dello Juventus Stadium è solo un lontano ricordo, il Milan vince e convince contro una fragile Sampdoria che incassa, oltre ai quattro gol, anche la seconda sconfitta della gestione Montella.

 LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Mai in partita i doriani, sovrastati dalla maggiore brillantezza fisica dei rossoneri, trascinati dalla super prestazione di Mbaye Niang, autore di due gol e un assist. Gli uomini di Mihajlovic prendono in mano il pallino del gioco fin dalle prime battute di gioco, trovando dopo pochi minuti la via della rete con Cerci ma l’arbitro annulla tutto per fuorigioco. Al quarto d’ora finalmente il Milan sblocca il match grazie a Bonaventura che mette dentro da due passi un centro di Niang. La Sampdoria sbanda paurosamente e prima della fine del primo tempo subisce il raddoppio. Bonaventura questa volta si guadagna il penalty che Niang si incarica di trasformare. La battuta è potente, Viviano non può nulla e così le squadre vanno al riposo sul 2-0 per il Milan. Nella ripresa il copione non cambia, passano cinque minuti e i rossoneri calano il tris.

 LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Gravissimo errore del portiere della Sampdoria che consegna a Niang un pallone che deve essere solo spinto in rete. La gara non ha più nulla da dire, Montella prova a cambiare qualcosa togliendo Muriel per Bonazzoli, Mihajlovic invece regala la standing ovation all’uomo del match inserendo Luiz Adriano. Proprio il brasiliano, appena entrato, impiega sei minuti per iscriversi nel tabellino dei marcatori con una mezza girata al volo che non lascia scampo a Viviano. Nel finale Eder su rigore fissa il punteggio sul 4-1 finale.