Sabato 10 Dicembre

Bobo Vieri a 360 gradi: “Juve-Milan vale tanto, l’Inter merita la vetta. E quante donne ho avuto…”

Lapresse/Virginia Farneti

L’ex attaccante di Milan e Inter si racconta alla Gazzetta dello Sport, svelando anche alcuni inediti retroscena della sua lunga carriera

E’ un Bobo Vieri che si racconta a 360 gradi quello intervistato dalla Gazzetta dello Sport. Tanti i temi trattati, dall’imminente Juventus-Milan al futuro dell’Inter, dalle sue donne all’esperienza in bianconero. Si parte con il big match di sabato che vedrà opposte due formazioni che tentano di risalire la classifica dopo un inizio di stagione non proprio positivo.

 Lapresse/Daniele Badolato

Lapresse/Daniele Badolato

Juve-Milan vale tanto, ma nulla di definitivo. Là davanti le altre grandi corrono sul serio, e perdere ulteriore terreno potrebbe essere pericoloso per chi non può non lottare almeno per un posto in Champions. Juve? Sorpreso fino a un certo punto. Perché dopo 4 scudetti consecutivi, varie Supercoppe italiane, una Coppa Italia e soprattutto la finale di Champions è normale un minimo di appagamento, anche inconscio. Senza dimenticare, poi,  che nel frattempo è stato avviato un massiccio rinnovamento e ringiovanimento della rosa. Scelta saggia e tempestiva. Non è da considerare un dramma la partenza più o meno a rilento, ma in generale sono d’accordo al 100% con Andrea Agnelli: a prescindere, la Juve non può restare lontana dalle zone di classifica che contano. La rosa, anche dopo le partenze di Pirlo, Vidal Tevez, resta di altissimo livello, forse ancora la più forte e completa, o quasi, in Italia. Si può anche non vincere lo scudetto, il podio è però traguardo quasi dovuto per questa Juve”.

 LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Poi il Milan: “sarebbe una follia cacciare Mihajlovic. Conosco il professionista e l’uomo: è il tecnico migliore che potesse capitare al Milan, la scelta è giusta, e ora va difesa. Mi piace molto Bacca, lo seguo dai tempi del Siviglia: un bomber, freddo sotto porta, bravo anche a giocare con la squadra. Con Luiz Adriano forma una coppia potenzialmente velenosissima“. In testa alla classifica c’è l’Inter, rinata dopo la cura Mancini: “Roberto è un fuoriclasse, uno che capisce di calcio come pochi al mondo. In sei mesi ha ribaltato l’Inter, trasformando una squadra normale in una delle candidate più credibili al titolo. Molti dei campioni nerazzurri hanno scelto Milano proprio per Roberto. Giocano male? Mi viene da ridere. In che condizioni era l’Inter pochi mesi fa? La fase difensiva era la prima cosa da sistemare, e il Mancio lo ha fatto. Lo scudetto si vince prendendo pochi gol”.

melissa satta Tralasciando per un attimo il calcio, Bobo Vieri racconta le sue donne, gossip, indiscrezioni e alcune verità: “a diciott’anni si diventa maggiorenni, si può finalmente guidare l’automobile, si può votare e tutta una serie di altre cose. Ma i miei diciotto li ricordo soprattutto perché fu in quel periodo che varcai per la prima volta la soglia del Pineta di Milano Marittima, che negli anni a venire sarebbe diventato per me un appuntamento fisso… Elisabetta Canalis? Me la passò al telefono Iacchetti. Menava di brutto Eli quando la facevo arrabbiare… Melissa Satta la conobbi quando aveva 18 anni, era bellissima. Le dissi “ascolta Melissa, adesso sei troppo giovane, ma mi prenoto per diventare tuo fidanzato appena avrai compiuto vent’anni…”. Mi hanno attribuito molte storie in questi anni. Devo essere sincero, quelle inventate sono state poche, è quasi tutto vero ciò che avete letto sui giornali di gossip…”. Infine un retroscena sul suo passaggio all’Atletico Madrid: “un giorno Moggi mi chiama a rapporto: entro nel suo ufficio e trovo già lì il mio procuratore e Bettega.

Lapresse/Jonathan Moscrop

Lapresse/Jonathan Moscrop

Il direttore, con i suoi modi tranquilli e gli occhi semichiusi, dice che è pronto ad aumentarmi l’ingaggio, ma che non può andare oltre i due miliardi di lire a stagione. L’Atletico Madrid offre tre miliardi e mezzo. “Si va in Spagna”, dico. E la riunione finisce all’istante. Lo ammetto, decisi guardando solo il portafogli. Potendo tornare indietro, sarei rimasto”.