Martedi 6 Dicembre

Attentato a Parigi, il kamikaze aveva il biglietto per entrare allo Stade de France

L’attentatore è stato bloccato all’ingresso da uno steward che rivela: “aveva una cintura esplosiva, è scappato facendosi saltare in aria”

Lo Stade de France avrebbe potuto trasformarsi in un tempio di sangue. E’ quello che lascia intendere uno steward in servizio a Saint-Denis  per Francia-Germania il quale rivela, al Wall Street Journal, dei retroscena impressionanti relativi a quella notte di terrore: “uno degli attentatori è stato perquisito all’ingresso dello stadio un quarto d’ora dopo l’inizio della partita: aveva addosso una cintura esplosiva e una volta scoperto è scappato facendosi saltare in aria“. La versione dell’uomo in servizio allo stadio è stata poi confermata da un poliziotto il quale ha sottolineato che l’intenzione dell’attentatore era quella di provocare una strage all’interno dell’impianto parigino. Infine lo steward parla del momento in cui tutto è diventato più chiaro: “quando ho visto che facevano evacuare Hollande, ho capito che non si trattava di petardi“.